venerdì 27 marzo 2009

Festa dei Pirati in difesa delle libertà digitali a Roma

Un’intera giornata dedicata al mondo digitale e alle rivoluzioni che lo animano, sabato 28 marzo a Roma (dalle ore 10 al Teatro delle Arti, piazza Giovanni da Triora): la "Festa dei pirati" - un susseguirsi di spettacoli multimediali, relazioni, dibattiti e laboratori tecnici divulgativi, pensato per evidenziare il valore innovativo, democratico e economico delle "pratiche di remix e libero scambio dei prodotti culturali" -si propone come una gioiosa provocazione culturale ispirata dall’uscita del libro "La baia dei pirati – Assalto al copyright" di Luca Neri (Cooper editore).

In un momento politico delicato, in cui le istituzioni italiane cercano di arginare il fenomeno del file sharing con misure proibizioniste, la Festa dei pirati vuole offrire un nuovo punto di vista, dimostrando che la difesa ad oltranza della proprietà intellettuale, non solo è tecnicamente impossibile, ma incompatibile con il futuro della libera informazione e della creatività in rete.

Oggi due terzi del traffico Internet a livello mondiale è generato da protocolli peer-2-peer. Ogni giorno milioni di cittadini si scambiano fra loro ogni tipo di file (musica, film, videogame, software). La Festa dei pirati si propone come occasione per tracciare il profilo di questo fenomeno e l'emergere di una nuova morale che rifiuta l’equazione pirata=ladro.

Questo il manifesto della festa pubblicato su www.no-copyright.net :
"Scarichi da Internet? Usi eMule o BitTorrent? Lo sai che il governo te lo vuole impedire? Diversi progetti di legge sono oggi allo studio in Italia per bloccare il peer-2-peer, oscurare i siti scomodi, distruggere la privacy di chi naviga in rete. Eppure un'intera generazione di giovani sta mostrando che cultura e spettacolo sono qualcosa di più di una merce, che la libera circolazione del sapere ha un valore universale. E tu? Ti vuoi forse svegliare domani e scoprire che non puoi più usare i software che ami? Visitare i siti che desideri? Scrivere su un blog senza il permesso delle autorità? È ora di far sentire la tua voce. Rispondere a chi vuole imbavagliare la rete. È ora di dire che siamo nel giusto, che siamo il futuro, che siamo tutti pirati"

L'evento (dibattiti, presentazioni, spettacoli, corsi pratici, "per impare gioiosamente a costruire una rete libera") è realizzato dalla rivista Loop in collaborazione con spazio di libera auto-organizzazione Frontiere Digitali, associazione Scambio Etico, associazione di promozione sociale Partito Pirata, comunità di p2p Tnt Village, LinuxClub Italia, Free Hardware Foundation, Reff (RomaEuropaFAKEFactory), Cooper editore, [A]rtis[O]pen[S]ource, Lpm (Live Performers Meeting), progetto FLxER (Flash Video Mixer). Ma gli organizzatori contanto anche sull'arrivo di rappresentanti internazionali di The Pirate Bay e del coordinatore europeo dell'Electronic Frontiers Foundation.

(fonte: La Stampa)

Posta un commento