venerdì 31 luglio 2009

Le cascate termali di Hammamat Ma'in in Giordania

La leggenda narra che anche il re Erode il Grande si recasse alle cascate termali d'acqua calda di Hammamat Ma'in per trarne beneficio.
Varo o falso che sia, queste particolari terme situate nella depressione del Mar Morto in Giordania, a 260 metri sotto il livello del mare, sono spettacolari: incastonate in un suggestivo antro roccioso, ancora oggi attirano tanti turisti per la bellezza del sito ed i benefici che danno le acque a 45° di temperatura.

Il Wadi Mujib, la gola che ospita la riserva naturale sulla terraferma "più bassa" del mondo, è raggiungibile in un'ora di macchina da Amman, la capitale, percorrendo la strada dei Re attraverso un paesaggio surreale fatto da canyon e formazioni rocciose.
Le cascate fanno parte del moderno Evason Ma'in Hot Spring (www.sixsenses.com/evason-resorts/ma-in/destination) della struttura alberghiera di lusso Six Senses, una moderna SPA che sorge dove un tempo vi era solo un'oasi desertica.



Ma non vi preoccupate, le sorgenti termali sono accessibili al pubblico e non solo ai clienti dell'hotel 4 stelle... come in ogni tratto del Mar Morto dotato di una struttura, potete entrare pagando un biglietto e fare il bagno nelle piscine naturali all'aperto o fare dei trattamenti o delle maschere di fango, massaggi o scrub all'olio di oliva.

QUANDO ANDARCI?

L'ideale probabilmente è in inverno, quando le temperature sono un po' più basse del resto dell'anno e si è lontani dal picco dell'alta stagione che in Giordania va da marzo a maggio.

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook via Feed e su Twitter!

Posta un commento