mercoledì 14 ottobre 2009

I soliti noti nella guida ai ristoranti d'Italia 2010 de l'Espresso

La guida "I ristoranti d'Italia" de l'Espresso, che raccoglie i migliori indirizzi all'alta ristorazione, è stata presentata pochi giorni fa alla stazione Leopolda di Firenze.
Al vertice di questa 32^ edizione si confermano i grandi ristoranti degli chef più famosi. Tutti presenti quelli in testa negli anni passati, con piccole variazioni di mezzo punto, ad eccezione del gambero Rosso di San Vincenzo (LI) che ha chiuso.
Questa la classifica 2010:
  1. con 19,5 punti Le Calandre a Rubano (PD), l'Osteria la Francescana a Modena e il Vissani a Baschi (TR);
  2. con 19 punti l'Enoteca Pinchiorri a Firenze e l'hotel Cavalieri - La pergola a Roma;
  3. con 18,50 punti Combal.Zero a Rivoli (TO), Cracco a Milano, Dal Pescatore a Canneto sull'Oglio (MN) e Villa Crespi ad Orta San Giulio (NO);
  4. con 18 punti il Duomo a Ragusa, l'hotel Certosa a Maggieno, Il canto a Siena, Miramonti, L'altro a Concesio (BS), Perbellini all'isola Rizza (VR), Torre del Saracino a Vico Equense (NA) e Uliassi a Senigallia (AN).
Nella classifica delle presenze suddivisa per regioni è in testa con 50 ristoranti premiati con almeno un cappello la Lombardia, segure con 26 il Piemonte e con 23 la Campania.
La guida è disponibile anche per I-phone e scaricabile su I-Tunes a 7,99 € con mappe interattive con le strade per raggiungere i ristoranti mentre in edicola è in vendita l'edizione cartacea al prezzo di 9 €.

Qui i migliori 10 suddivisi regione per regione

Questo il post dello scorso anno: I ristoranti d'Italia 2009

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e adesso anche su Twitter!

Posta un commento