giovedì 29 ottobre 2009

Loy Krathong , la festa delle luci in Thailandia

Nel 2010 il Loy Krathong si festeggia il 21 novembre.
Il primo giorno di luna piena di novembre in Thailandia si svolge una delle sue feste più belle e sentite, il Loy Krathong, la festa delle luci (o della luce).
Il rito appresenta la fine della stagione delle piogge e del principale raccolto del riso ma sulle origini ci sono varie teorie: c'è chi sostiene che risalga alla tradizione induista e chi invece pensa sia legata al Buddha che lasciò la sua impronta sulla riva del fiume Narmada, altri invece lo ritengono un tributo a Phra Uppakhut, uno dei principali discepoli di Buddha.
Quel che è certo è che la cerimonia abbia origini nel 13° secolo e che tutt'oggi venga celebrata in tutto il Paese, sui fiumi Chao Praya a Bangkok e Yi-Peng a Chang Mai tra canti e balli; la più suggestiva ha luogo tra le rovine di Sukkhothai, l'antica capitale dell'impero che oggi è parco storico e patrimonio dell'Umanità Unesco.
La Festa è un ringraziamento a Mae Kong Kha, la dea dei fiumi e dei corsi d'acqua e si celebra per questo vicino a fiumi, laghi e stagni. Per propiziare la fortuna ed eliminare i peccati dell'anno passato, dei piccoli vascelli a forma di loto vengono portati in tributo alla dea e poi fatti galleggiare (in thailandese "Loy") in acqua: si chiamano krathong queste "lanterne galleggianti" fatte con foglie di banano o di noci di cocco con sopra candele accese che vengono fatte scivolare a migliaia in acqua dopo il tramonto.
Secondo la leggenda fu una principessa Thai che volendo ringraziare gli spiriti dell’acqua per la loro generosità, creò queste coppe fatte con le foglie e decorate con dei fiori (i krathong) mettendo dentro ognuna una candela.

Leggi anche: in Thailandia si festeggia l'elefante.
Posta un commento