giovedì 14 gennaio 2010

La tragedia di Haiti: come dare un aiuto concreto

Un terremoto di magnitudo 7,2 gradi, a soli 10 km dalla superficie e 15 dalla capitale Port Au Prince, ha devastato Haiti. Nel 1908 era stato di 7 gradi quello che provocò 100.000 vittime a Messina e si parla dello stesso numero di morti anche per l'isola del Mar dei Caraibi ma c'è chi teme che siano addirittura mezzo milione.
Le persone colpite sono 3 milioni su una popolazione di oltre 9. I danni sono incalcolabili... case ed ospedali distrutti, la capitale rasa al suolo. mancanza d'acqua e luce quasi ovunque.
Haiti è il Paese più povero del continente americano ed anche ta i più soggetti a calamità naturali: negli ultimi 10 anni sono state 20 le sciaugure che si sono abbattute sull'isola e solo nel 2009 gli uragani sono stati 4.
La metà degli abitanti è analfabeta, l'80% vive sotto la soglia della povertà e solo il 3% arriva ai 64 anni.
E adesso questa tragedia..
Dall'Italia sono già partite una suqdra della Protezione Civile e tanti volontari, in gran parte medici e specialisti in situazioni d'emergenza.

Chi volesse dare una mano può mandare un sms con la parola "Haiti" al 90999. La Croce Rossa ha messo a disposizione il n° verde 800166166. Per chi vuole fare un versamento alla Caritas, il conto corrente postale è 347013, specificando nella casuale "Haiti". Il conto corrente postale dell'Unicef è 745000, specificando nella causale "Emergenza Haiti".
Per sostenere l'AVSI (che sta cercando i bimbi sostenuti a distanza) andate su www.avsi.org, per Medici senza Frontiere su www.medicisenzafrontiere.it e per NPH Italia telefonate allo 0254122917 o andate su www.nphitalia.org.
Posta un commento