giovedì 1 aprile 2010

A Milano per la mostra "Goya e il mondo moderno"

HotelLa Pasqua si avvicina a grandi passi e il tempo volge al bello. Finalmente sembra che la primavera stia spazzando via il maltempo dell'ultimo anomalo inverno e cresce la voglia (personalmente non è mai calata...) di andare in giro e dedicarsi una piccola vacanza. Per il periodo pasquale siamo proprio al last second, ma come ho scritto sopra la bella stagione è solo all'inizio ed è questo il momento perfetto per trovare degli hotel economici per un soggiorno ad aprile o maggio: temperature gradevoli + bassa stagione (cioè bassi prezzi) = connubio perfetto qualità-prezzo!

Un bell'evento potrebbe "chiudere il cerchio" e rendere il tutto più interessante, e allora ecco una possibile idea: un weekend (se è lungo meglio ancora) a Milano per la mostra straordinaria che è stata allestita a Palazzo Reale. Dal 17 marzo fino al 27 giugno va in scena infatti "GOYA E IL MONDO MODERNO", un'esposizione di 184 opere tra dipinti, disegni ed incizioni provenienti dai più grandi musei del mondo (Uffizi di Firenze, Prado di Madrid...) di cui 139 di Francisco José de Goya y Lucientes (1746-1828) e 45 di altri artisti dal '700 ad oggi (tra cui Delacroix, Picasso, Pollock, Manet, Klee, Guttuso, Mirò, Kirchner, Hugò, Bacon, Kiefer, Music, David, de Kooning...) che hanno avuto come modello di riferimento il pittore ed incisore spagnolo.

La mostra si tiene nel bellissimo Palazzo Reale in piazza del duomo, in pieno centro, per cui la scelta di un hotel a Milano è strategicamente ottima! Al centro dell'esposizione l'idea che Goya abbia influenzato l'arte contemporanea e sia stato anticipatore di movimenti artistici come l'Impressionismo, il Surrealismo e il Simbolismo e delle tematiche al centro degli ultimi 2 secoli di storia dell'arte grazie alle sue opere cariche di fisicità, paura ed irrazionalità.
La mostra si sviluppa secondo tre filoni tematici e si articola in cinque sezioni:
  1. Il lavoro del tempo. I ritratti
  2. Vita di tutti i giorni
  3. Comico e grottesco
  4. La violenza
  5. Il grido
dove le opere di Goya si intrecciano e "comunicano" con quelle di altri artisti (ad esempio nella prima sezione c'è un confronto con Delacroix e Soutin, nella terza con Picasso, Klee e Mirò, nella quinta con Pollock, Kiefer eBacon).

Ingresso 9 € (ridotto 4,50 €)
Apartura: dal lunedi pomeriggio al sabato (giovedi e sabato fino alle 22:30).

(immagine in alto: la "Decapitazione")

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento