mercoledì 16 giugno 2010

Di notte nel Sacro Bosco di Bomarzo, il Parco dei Mostri

«Tu ch'entri qua con mente parte a parte et dimmi poi 
se tante meraviglie sien fatte per inganno o pur per arte.»
E' una delle scritte che appaiono sui monumenti presenti nel Sacro Bosco di Bomarzo (cittadina in provincia di Viterbo), un bizzarro complesso monumentale tardo rinascimentale famoso anche come il Parco dei Mostri.
Un nome che si capisce subito a cosa è dovuto appena si mette piede all'interno del parco... lungo il cammmino si incontrano opere enigmatiche e creature mostruose, tra Fantasy e Mitologia: dall'Arco dalle fauci spalancate al Pegaso, dalla Tartaruga Ciclopica ad Ercole e Caco, da Proserpina ad un Elefante che sorregge una torretta.
Poi ancora il Ninfeo, Venere, la Casa pendente, il Drago, Nettuno... un mondo fantastico nei meandri di un bosco che stupisce ancora a distanza di quasi 460 anni.
Il parco fu realizzato nel 1552 per opera dell'architetto Pirro Logorio (autore tra l'altro del completamento di San Pietro in Vaticano alla morte di Michelangelo) su commissione del principe Pier Francesco Orsini, ma per vari secoli fu lasciato all'incuria finchè la famiglia Bettini lo acquistò nel 1954 e lo restaurò dandogli nuova vita.

Adesso il Sacro Bosco di Bomarzo è visitabile tutto l'anno dalle 8 al tramonto e grazie all'installazione di illuminazioni opportune che risaltano le gigantesche statue, sarà aperto anche di notte il prossimo 26 giugno 2010, dalle 21 alle 24.
E se l'iniziativa avrà successo le visite notturne proseguiranno per tutto il mese di luglio e agosto.
Un'occasione da non perdere... il percorso di notte deve essere davvero suggestivo!

Apertura: orario continuato dalle 8:30 fino al tramonto (dal 1° novembre al 31 marzo) e fino alle 19 (dal 1° aprile al 31 ottobre).

Prezzi: 10 euro per gli adulti, 8 euro per i ragazzi da 4 a 13 anni.

Sito web: http://www.parcodeimostri.com

Altre belle foto del parco le trovate nel blog di Bussola :-)

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento