lunedì 9 agosto 2010

Mont Saint-Michel entro il 2015 tornerà di nuovo ad essere un'isola

Sono iniziati i lavori per ripristinare la condizione originaria del luogo sacro più visitato della Francia, il secondo francese in assoluto dopo la Torre Eiffel. I cavalieri e i sovrani che nel Medioevo si recavano all'abbazia benedettina sul MONT SAINT-MICHEL per meditare si trovavano davanti allo spettacolo unico di questo luogo di culto che si ergeva su un'isoletta in mezzo alle onde del mare. Poi nel tempo le cose sono un pò cambiate, non solo perchè alla sacralità del posto si è sostituita la massa dei visitatori interessati a ben altro che alla penitenza... le mutazioni delle correnti e le nuove dighe agricole hanno piano piano trasformato i dintorni del Monte in una palude e quando lo spettacolare ritiro delle acque dovuto alle maree si verifica, l'abbazia rimane circondata da sabbie mobili che non spariscono completamente al rapido ritorno del mare.
Nei secoli si può dire che le onde del mare si siano trasformate in ondate di turisti... turisti in buona parte scaricati dai pulman che giungono fino all'ingresso di Mont Sant-Michel. Secondo il progetto, le ruspe che sono appena arrivate faranno nuovamente defluire le acque così come era in origine ma non solo: il parcheggio che adesso si trova ai piedi dell'isolotto scomparirà entro il 2010 e le auto ed i sopracitati pulman dovranno fermarsi al nuovo parcheggio dietro la diga (i cui lavori sono iniziati nel 2009) sul fiume Couesmon, a cui è deputata la funzione di drenare la sabbia modificando le correnti marine.
Un grande - e costoso, ben 204 milioni di euro - piano, che prevede nel 2011 la costruzione di un sottile ponte che terminerà su un terrapieno sotto le mura di Mont Saint-Michel e la distruzione entro il 2015 della strada asfaltata che da oltre un secolo porta i visitatori a un passo della mèta.
Proprio questa sostanziale modifica delle vie di comunicazione e soprattutto la differente collacazione del nuovo parcheggio, a 3 km di distanza solo in parte coperti da navette elettriche, è al centro di alcune polemiche: i visitatori (anche ipiù anziani e i disabili) a lavori ultimati dovrebbero compiere un percorso pedonale obbligatorio tra 1 e 2 km a piedi o con le carrozze a cavallo. Inoltre la società che gestisce il cantiere del nuovo parcheggio ha già annunciato che il prezzo salirà da 5€ a 8€!... Quindi per i 7,5 milioni di turisti che ogni anno raggiungono questa zona della Normandia, vedere Mont Saint-Michel significherà spendere più soldi e avere meno comodità.

Secondo l'ambizioso progetto il mare tornerà intorno all'isolotto nel 2015 ma per gli esperti solo in poche settimane all'anno si verificheranno le condizioni adatte... speriamo perlomeno che si ricostruisca piano piano il complesso ecosistema compromesso durante i secoli e che facciano ritorno le foche e i salmoni che un tempo abitavano nei dintorni di Mont Saint-Michel.

(Le foto sono state scattate da Ilaria Guerzoni nel luglio 2010)
Posta un commento