giovedì 16 settembre 2010

La tirata del Carro di Mirabella Eclano in onore della Madonna Addolorata

Nella zona di Taurasi in provincia di Avellino, tra gli antichi vigneti che producono uno dei vini più pregiati della Campania, si estende la Valle del fiume Calore e sopra di essa domina su un colle Mirabella Eclano. Questo dell'Irpinia è uno dei tanti paesi italiani che mantengono viva una meravigliosa tradizione pagano-religiosa che affiora le radici nel passato ed ancora oggi coinvolge la popolazione e fa tenere il fiato sospeso per il rituale della TIRATA DEL CARRO.
L'evento, che si svolge il sabato che precede la terza domenica di settembre (nel 2010 il 18) è dedicato alla Madonna Addolorata e consiste nel trasporto da parte di 6 coppie di buoi di un magnifico obelisco in legno rivestito da pannelli di paglia decorati e tessuti a mano, alto 25 metri. La paglia testimonia il ringraziamento per il raccolto dell'anno precedente ed ogni anno viene sostituita o riparata laddove si è deteriorata.
La forma affusolata del Carro rende difficile il mantenimento dell'equilibrio attraverso il percorso di 5 ore tra i campi e le strade di Mirabella verso la chiesa della Madonna Addolorata, e per questo una serie di corde di canapa si irradiano dall'obelisco, tenute dalle braccia degli abitanti (i "funaioli") che seguono passo passo il suo cammino facendo attenzione che non succeda l'irreparabile... la caduta del Carro è infatti presagio di sventure! Come accadde nel 1882, tremendo anno di carestie e nel 1962, quando ci fu un terremoto: in entrambi i casi l'anno precedente l'obelisco era finito a terra.

(foto di Faderico Ladarola tratte dal sito del comune di Mirabella Eclano)

Posta un commento