lunedì 29 novembre 2010

Il Pianeta che cambia: mostra interattiva di dinosauri a Gubbio

Perugia Science Fest
Dallo scorso venerdi al magnifico Palazzo dei Consoli di Gubbio è di scena IL PIANETA CHE CAMBIA, una mostra interattiva dedicata ai dinosauri. Fino al 25 aprile 2011 si potranno vedere ricostruzioni di scheletri, fossili originali e degli accurati diorama, riproduzioni in scala di ecosistemi preistorici, tra cui spicca quello di Liaoning, nel nord est della Cina.

Come mai a Gubbio? Perchè fu proprio nei dintorni, nella gola del Bottaccione, che gli scienziati americani Luis e Walter Alvarez trovarono delle notevoli quantità di iridio nell'argilla avvalorando così la loro tesi: il metallo, molto raro sulla Terra, è presente in abbondanza nei corpi celesti e la presenza sul nostro pianeta sarebbe dovuta all'impatto (ad esempio quello di un meteorite) sulla crosta terrestre... da lì alla teoria della scomparsa dei dinosauri a causa della gigantesca nube provocata dall'asteroide (e conseguente oscuramento del sole) il passo è breve...

La mostra interattiva fa parte dell'iniziativa Perugia Science Fest in atto dal 2 ottobre 2010 ed organizzate dall'American Museum of Natural History di New York (con la consulenza e la supervisione del noto divulgatore scientifico Piero Angela) insieme ad altre due grandi mostre scientifiche dedicate al clima e all'acqua, in corso a Perugia ed Assisi.
Tra le ricostruzioni di scheletri di dinosauri sono presenti un nuovo modello del Tirannosauro Rex, un Bambiraptor, uno Stegosauro, un Apatosaurodi 18 metri di lunghezza, un dromeosauro e un Dilang Paradoxus coperto da protopiume ramificate.

Chi si recasse a Gubbio dall'8 dicembre all'8 gennaio 2011 potrà anche ammirare il gigantesco albero di Natale disteso sul pendio del monte Ingino sul quale sorge la città, il più grande del mondo!

Posta un commento