lunedì 7 febbraio 2011

Passeggeri non pagano l'extra per il bagaglio troppo pesante, la Ryanair li lascia a terra. Ma è così difficile rispettare le regole?

La notizia: ieri 104 studenti di ritorno dalla vacanza e diretti verso l'aeroporto di Charleroi in Belgio sono rimasti all'aeroporto di Lanzarote, isola spagnola dell'arcipelago Canarie. La motivazione? Una parte di loro si era rifiutata di pagare l'extra per il bagaglio a mano (troppo pesante) e non è stata fatta salire in aereo; il resto della compagnia ha protestato con veemenza a bordo ed in seguito agli insulti rivolti verso una hostess è stata chiamata la polizia locale che ha fatto scendere tutta la comitiva.
La domanda: proteste giustificate? Sono così ingiuste le restrizioni sui bagagli?
Premettendo che la notizia arriva dal quotidiano "La provincia Canarie" che non specifica se il problema all'origine sia stato il peso o le dimensioni di alcuni bagagli, la protesta per il mancato ingresso a bordo dei passeggeri che si sono rifiutati di pagare l'extra appare piuttosto ridicola...
Ho notato che il problema dell'"hand luggage" ricorre spesso al Gate di partenza e si assiste a delle scene che a volte sono piuttosto comiche... trolley aperti e vestiti che passano da una valigia all'altra: scarpe, beauty-case, bustini e oggetti a volte improbabili... tutto questo perchè il massimo peso del bagaglio a mano che è consentito portare a bordo senza pagare nessun prezzo aggiuntivo è di 10 Kg.
Tanti, io per primo, acquistano i voli della Ryanair principalmente per il prezzo e sebbene anch'io trovi queste limitazioni di peso (e di dimensioni del bagaglio) piuttosto scoccianti, devo ammettere che rimango perplesso e infastidito quando sento la gente lamentarsi e imprecare... 
Mi viene da chiedere "chi vi ha obbligato a volare con le compagnie low cost (che praticano, tutte, questa politica)? Se non vi sta bene, rivolgetevi ad altri... il panorama è ampio e variegato. Poi però non lamentatevi del prezzo eccessivo dei biglietti!
Purtroppo la Ryanair da qualche anno fa pagare sempre più servizi che prima erano gratuiti: il bagaglio in stiva è a pagamento, quello a mano ha misure e peso limitato. Però a fronte di tutto ciò, se ci si adatta o si ha la possibilità di viaggiare con pochi indumenti al seguito, con queste compagnie è possibile volare anche con pochi euro...

Non appaia una difesa a oltranza della compagnia irlandese o delle sue sorelle (come Easyjet ad esempio): il sottoscritto non riceve nessun compenso dalle suddette ma esprime solo un giudizio personale... è che ultimamente mi è capitato di assistere a scene imbarazzanti: a dicembre, in partenza da Londra Stansted, mi sono accorto che il mio bagaglio, pur pesando meno di 10 kg ed entrando agevolmente nella griglia dimostrativa (40 cm di larghezza x 20 cm di lunghezza), era più alto di 5 cm rispetto alla misura consentita. (55 cm).. a bordo dell'aereo non entrava nella sua lunghezza nella cappelliera. Tutti i posti erano esauriti e come me c'erano altri passeggeri che avevano con sè o trolley fuori dimensione o più di un bagaglio.
Una hostess, molto carina, mi ha cortesemente detto che se ci fosse stato spazio libero nelle cappelliere non avrebbe fatto problemi ma in quella situazione era costretta a portare i bagagli in stiva (senza far pagare supplementi...). A quel punto un ragazzo ha protestato con foga alzando la voce e insultandola pesantemnente... la poveretta è stata accerchiata e quasi costretta a lasciare i bagagli in mano ai passeggeri. Morale della favola: ho fatto il viaggio con il trolley tra le gambe... da non credere...
Quel trolley non lo userò più come "hand luggage", ma se mi ricapitasse di avere bagagli che non rispettano le norme della compagnia aerea me la dovrò prendere solo con me stesso. E pagherò l'extra, senza arrecare ritardi del volo e disagi agli altri passeggeri...
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook o via Feed!

Posta un commento