giovedì 17 marzo 2011

La Giornate della primavera del FAI dedicate ai 150 anni dell'Italia

palazzo Quirinale
Con la primavera arrivano puntuali le Giornate del FAI (Fondo per l'Ambiente Italiano): 660 beni in tutte le regioni italiane che saranno aperte straordinariamente ad offerta libera il 26 e 27 marzo.
Questa XIX edizione non poteva ovviamente non tenere conto delle celebrazioni per l'anniversario del nostro Paese... le Giornate di primavera FAI 2011 si tingono di bianco, rosso e verde grazie a 150 eventi dedicati ai 150 anni dell'Italia.
In fondo al post trovate tutti i 660 beni aperti eccezionalmente al pubblico mentre l'elenco completo degli avvenimenti speciali tricolori lo trovate cliccando qui.
Tra questi 150 "Percorsi risorgimentali" ci sono:
  • apertura eccezionale dell'Ala Napoleonica del Palazzo del Quirinale a Roma con l'accesso tra le altre  alla biblioteca del Piffetti, alla Sala delle Dame e alla Sala degli Arazzi
  • la visita alla Cascina Guiccioli, nel comune di Mandriole (RV) dove il 4 agosto del 1849 morì Anita Garibaldi, l'eroina dei due mondi e dove Giuseppe Garibaldi si rifugiò per sfuggire alle truppe austriache
  • l'accesso alla cella della Fortezza del Priamar di Savona dove Giuseppe Mazzini, imprigionato per tre mesi, ideò il programma della Giovine Italia
  • apertura dell'archivio di stato di Modena, il 1° dell'Italia unita
  • accesso all'Antiquarium del Parco Archeologico "Archeo Deri" di Bova Marina (RC) con i  manufatti archeologici dell’Area Grecanica
  • visita delle Carceri del Castello San Giorgio a Mantova
  • apertura di Villa Pacini a Catania (fruibile anche alle persone con disabilità fisiche), un giardino con tre statue di re della dinastia borbonica (due con la testa mozzata dai patrioti catanesi)
  • mostra aperta al Palazzo Reale di Milano "1859-1961. L'occhio della memoria"
Ricordo che le visite sono organizzate dai volontari del Fai e sono a contributo libero.

Tutti i 660 beni aperti il 26 e 27 marzo 2011 suddivisi regione per regione:

    Ti piace il blog? Seguilo su Facebook o via Feed!

    Posta un commento