lunedì 21 marzo 2011

Le incredibili formazioni rocciose del Parco di Bardenas Reales

La riserva naturale di Bardenas Reales si estende per 45.500 ettari nel bacino dell'Ebro all'interno della regione della Navarra nel nord della Spagna, al confine con i Paesi Baschi, la Francia ed i Pirenei. Un'area semidesertica di rara bellezza che non trova altri esempi simili in Europa: chilometri e chilometri di paesaggio arido che non presenta quasi nessuna vegetazione. Solo bizzarre conformazioni rocciose, gole scavate dai fiumi e picchi frutto di un processo di erosione durato per secoli.

IL MODO MIGLIORE PER VISITARLO E' AFFITTARE UNA JEEP E FARE UN GIRO ALL'INTERNO DEL PARCO!

All'ingresso, gratuito, del Parque Natural, Reserva de la Biosfera si trova il Centro de Informacion de Bardenas Reales de Navarra, dove si possono reperire tutte le informazioni sulle rutas (gli itinerari segnati) che si possono compiere con la guida o da soli, a piedi o a cavallo, in bicicletta, in moto o in auto. E' un vero e proprio centro di informazioni turistiche che fornisce indicazioni sui servizi della zona, consigliando ristoranti e sistemazioni per la notte.

Particolarmente suggestiva è la pensione che è stata ricavata tra le grotte della Valtierra, quasi al confine con la Navarra.

parco bardenas reales navarra spagna
foto di Kodakhrome su Flickr
parco bardenas reales navarra spagna
Foto di patxidelpamil su Flickr
foto di thierry llansades su Flickr

DA NON PERDERE


Assolutamente da vedere sono:

  • El Planode Bardenas, l'altipiano che si estende al nord;
  • la Bardena Blanca dalle inconfondibili pareti di gesso con striature di vari colori nella zona centrale;
  • la Bardena Negra, formata da calcare e argilla rossa;
  • il Castil de Tierra, uno dei punti più panoramici.
Dal 2000 il paesaggio arido e selvaggio delle Bardenas Reales è una Riserva della Biosfera e patrimonio dell'Unesco.

Ti potrebbero anche interessare:
(Foto in alto di thierry llansades su Flickr)

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento