giovedì 28 aprile 2011

Magnifica Corsica: escursione verso la base della cascata Piscia di Gallo

Corsica cascata Piscia Gallo
La Corsica racchiude in un territorio relativamente piccolo dei bellissimi scenari di montagna a pochissima distanza da uno splendido litorale.
Da Porto Vecchio, la località più frequentata ed alla moda del sud dell'isola, si raggiungono in mezzora le spiagge più belle (la Palombaggia, la Rondinara  e Santa Giulia) e le vette del Massiccio di Ospedale.
Imboccando la strada D638 in direzione nord, poco prima di arrivare al Passo, si trova la cascata della Piscia di Gallo.

Siamo all'interno del grande Parco Naturale Regionale della Corsica che si estende per 330.000 ettari fin oltre Corte (nella parte settentrionale della Corsica) e si affaccia sulla costa occidentale con la Riserva Naturale della Scandola.
Un cartello sulla strada principale indica che il sentiero per la cascata inizia in quel punto: in un'area sterrata e sconnessa, dietro due chioschi, si parcheggia l'auto (facendo attenzione alle buche ed ai rami degli alberi) e si intraprende il percorso della durata di circa un'ora


La camminata fino alla discesa alla base della cascata non è impegnativa ed attraversa la foresta, piccoli corsi d'acqua ed uno spazio aperto con grossi massi in vista dal quale si ammira un bel panorama. Un paesaggio alpino alla quota di circa mille metri.

Corsica cascata Piscia Gallo

Oltre la metà del percorso si trova un fiume che forma delle cascatelle e dei piccoli specchi d'acqua dalla forma quasi circolare - le Marmitte dei Giganti - in cui d'estate qualcuno tenta di fare il bagno... l'acqua è limpidissima ma molto fredda!

Poi, finalmente, un cartello indica la fine del sentiero segnato ed avverte che da lì in poi il tratto è pericoloso raccomandando la massima prudenza.
In effetti bisogna stare molto attenti a non scivolare e a non sbilanciarsi: si scende per un centinaio di metri aggrappandosi ai rami ed alle rocce sporgenti, ma giunti alla base della cascata si guarda in alto e si prova una certa soddisfazione :-) Vale la pena arrivare fin lì, anche perchè dall'alto si intravede solo un tratto della Piscia di Gallo.

Già... strano nome per una cascata... si dice che derivi da Ghjadda che in lingua corsa significa giallo ma è stato tradotto erroneamente per assonanza in gallo... mah, in francese Pisse du Coq ha lo stesso significato che in italiano ed altri pensano che sia dovuto al fatto che la cascata si genera da una piccola spaccatura nella roccia e vista da lontano sembra un getto d'acqua che esce dal rubinetto...

Corsica cascata Piscia Gallo

Da sotto invece lo spettacolo è suggestivo e lo scroscio d'acqua che giunge da un'altezza di oltre 50 metri colpisce i massi granitici e produce un frastuono che rimbomba tra le pareti in cui è racchiusa la cascata.
 
Qui altre foto del mio viaggio in Corsica.
 

Ti potrebbero anche interessare:
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook via Feed e su Twitter!

Posta un commento