lunedì 25 luglio 2011

Il trattato di Shengen: chi ne fa parte, cos'è...

convenzione Shengen
Le stragi di Utoya ed Oslo in Norvegia dello scorso 22 luglio e le prime notizie che parlavano di atti terroristici di stampo estremistico internazionale (poi rivelatisi infondate) avevano indotto lo stato scandinavo come prima misura cautelare a ripristinare i controlli alla frontiera. 
Un provvedimento tuttora in vigore, come si legge sulla pagina degli avvisi di Viaggiare Sicuri.
Chi si è recato in Norvegia in questi giorni o lo farà nei prossimi, sarà quindi costretto ad esibire un documento di riconoscimento valido (carta d'identità valida per l'espatrio o passaporto). In altre parole è stato temporaneamente sospeso il Trattato di Shengen.

? E cosa comporta?
Di cosa si tratta e quali stati coinvolge

IL TRATTATO O CONVENZIONE DI SHENGEN


Il suo nome deriva dalla piccola città del Lussemburgo dove nel 1985 venne stipulato un accordo tra i primi stati firmatari.
Al momento (luglio 2011) fanno parte del cosiddetto "Spazio Shengen" 28 stati europei (il Vaticano e San Marino ne fanno parte tramite l'Italia e lo stesso dicasi del Principato di Monaco tramite la Francia) di cui quattro (Cipro, Romania, Bulgaria e Liechtenstein) in forma provvisoria.
Norvegia, Svizzera ed Islanda mantengono invece il controllo doganale sulle merce e l'Iva.

COSA SIGNIFICA FAR PARTE DELL'AREA SHENGEN?


Al di là della diversa distribuzione delle forze di polizia all'interno dei singoli stati, della cooperazione tra gli accordatari e del rafforzamento dei confini esterni al Trattato, coloro che transitano da uno stato all'altro dello Spazio Shengen lo possono fare liberamente senza che vengano effettuati controlli alle frontiere comuni

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e adesso anche su Twitter!

Posta un commento