giovedì 8 settembre 2011

Che fine ha fatto Arenaways?

Arenaways, la compagnia ferroviaria privata entrata in servizio 
il 15 novembre 2010, si trova purtroppo in cattive acque.
Arenaways fallimento
Vi ricordate di Arenaways? Ne ho parlato più volte in questo blog, facendo la comparazione tra i servizi offerti della neonata compagnia e quelli delle Ferrovie dello Stato, segnalando i biglietti gratuiti sulla Milano-Torino e quelli promozionali a 10 € ed infine annunciando la rotta estiva Torino-Livorno.
Agli inizi di agosto purtroppo Arenaways è stata dichiarata fallita e sono stati sospesi sia il treno-mare che quelli della Milano-Torino.
Grazie all'accordo tra il curatore fallimentare ed i tedeschi di DB Autozug e gli olandesi di Autoslaap Trein invece i treni con auto al seguito provenienti dall'Olanda continueranno ad essere in servizio anche oltre la data prevista di scadenza del 4 ottobre.
L'iter fallimentare proseguirà per la sua strada ma una speranza di salvezza sembra esserci se si concretizzeranno le voci di un interessamento di alcuni imprenditori pronti a diventare nuovi soci. Altrimenti si procederà alla liquidazione. Un grosso problema per i circa 70 dipendenti della compagnia privata e un punto interrogativo che si pone sull'effettiva possibilità di avere un mercato dove settore pubblico e privato possano liberamente confrontarsi.
Dal suo ingresso sulle rete ferroviaria italiana il fondatore (oltre che amministratore delegato) Giuseppe Arena ha dovuto affrontare non poche difficoltà, in primo luogo l'ostruzione (a suo dire) delle F.S. che avrebbero impedito la realizzazione di fermate intermedie sulla tratta Milano-Torino e di compiere un percorso ad anello passando da Novara e da Alessandria.

Staremo a vedere come si evolveranno le cose... di certo, se non verrà trovata una soluzione che rimetta in moto i treni sulle rotte nazionali, sarebbe un'altra opportunità persa per il nostro Paese.

(Foto in alto tratta dall'album di Luca Xavier Bozzo su Flickr)

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e adesso anche su Twitter!

Posta un commento