giovedì 15 settembre 2011

I disservizi della Metro di Roma e la truffa delle biglietterie automatiche

Prima della mia visita a Roma agli inizi dello scorso giugno, mi sono un pò documentato sui mezzi di trasporto ed ho trovato su YouTube questo video:


(Video di FRANKFLORENSRUBINA su YouTube)

Se non avete il tempo o la pazienza di vederlo interamente (in tutto 5 minuti e 25 sec di foto in sequenza), ve lo riassumo io in poche parole: è un foto-reportage di uno spagnolo, presumibilmente un turista, in viaggio sulla metropolitana di Roma. Come ne esce la capitale? Non troppo bene... In primo piano le scritte e i disegni realizzati con le bombolette spray, le carrozze vecchie, la gente stipata...
Questa immagine desolante è davvero uno spaccato di realtà?
Chi frequenta ogni giorno la metro non ha dubbi circa la risposta: purtroppo è davvero così e pure peggio.
E come se non bastassero il servizio scadente, i ritardi, i treni rattoppati ed i disagi nelle ore di punta, si aggiunge anche una presa di giro (per usare un eufemismo) che si fatica a tollerare, la truffa delle biglietterie automatiche.
Ne sa qualcosa Giuseppe Trisciuoglio, il mio amico travel blogger di Eurotrip e "collega" in Travel Different che proprio qualche giorno fa è stato vittima di una di queste macchinette erogatrici di biglietti dell'Atac, alla stazione Termini.
foto tratta dal sito Roma Capitale
In breve il fatto: l'11 settembre lo sventurato (si fa per sdrammatizzare! ^_^) seleziona il tipo di biglietto sulla biglietteria automatica ed inserisce 20 € ma non riceve il resto. Chiede aiuto a un dipendente dell'azienda dei Trasporti romana e questi in un primo momento gli spiega che si tratta di un vecchio trucco che consiste nel bloccare l'uscita del resto delle banconote, poi in seguito alla richiesta di fornire le generalità per una denuncia, si trincera in un "non so" e si defila...

PERCHE' ACCADA TUTTO CIO' E NESSUNO SEGNALA IL PROBLEMA?

Siamo in Italia amici.... i soliti furbetti non fanno altro che sfruttare questo "difetto" della macchinetta che non eroga un resto superiore ai 4 €: le banconote inserite in teoria dovrebbero essere ributtate fuori, ma se qualcuno tappa l'uscita....
Il fatto grave è che questa truffa non è una novità e chissà quanti romani e quanti turisti ne hanno fatto le spese. Almeno un cartello che segnali il problema uno se lo aspetterebbe... qualcosa del tipo "non inserite importi superiori di 4 € al prezzo del biglietto desiderato". Invece niente...

Giuseppe ha deciso che stavolta non farà finta di niente e sporgerà denuncia. Anzi, sta pensando a una Class Action perchè SICURAMENTE non è stato l'unico ad esser truffato.
I siti Roma Capitale e Roma Today hanno segnalato il problema e l'Atac ha già risposto che verrà effettuato un controllo della macchinetta in questione MA questo non è il momento di mollare la presa: se qualcuno è stato a sua volta vittima scriva a girovagate@gmail.com o contatti Giuseppe!

Si dice che per avere una società migliore occorra il piccolo contributo di tutti... ecco, questo è uno di quei casi in cui gli occhi non vanno chiusi ma tenuti ben aperti per insistere ed avere giustizia.

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e adesso anche su Twitter!

Posta un commento