mercoledì 28 settembre 2011

Un giro per la Habana Vieja, la vera Cuba

Havana Veja Fidel
Andare a Cuba senza visitare l'Avana (La Habana nella lingua locale) significa perdersi il finale di un libro giallo: hai seguito la trama ma ti manca la parte più bella e intrigante...
La capitale cubana è una città piuttosto grande e le guide generalmente la dividono in tre grandi zone: La Habana Veja, il centro Habana e il Paseo del Prado (il viale principale) ed il Vedado. L'Avana Vecchia è il centro coloniale racchiuso dentro le antiche mura, il più grande ed interessante dell'intera America Latina e patrimonio dell'Unesco dal 1982!
Ma stavolta non vi parlerò dei grandi palazzi in stile spagnoleggiante, della Plaza de Armas, della Catedral de San Cristobal o della Bodeguita del Medio...
Se avete tempo la cosa migliore che potete fare all'Avana è uscire dal percorso turistico.

Non vi fermate alla parte restaurata del vecchio quartiere ma mischiatevi tra la gente, recatevi al mercato e perdetevi tra le stradine meno sfavillanti ed attraenti, ma sicuramente più autentiche. Solo così respirerete l'aria di Cuba.

Habana Vieja

Passeggiando entrerete in contatto con questo splendido popolo, cordiale, espansivo e sempre sorridente. Praticamente impossibile non trovare un habanero che vi si avvicini e parli in italiano! Certo, può capitare che qualcuno lo faccia per vendervi qualcosa o per proporvi un giro della città, ma in genere sono la curiosità e la socievolezza le molle che li spingono ad entrare in contatto con i turisti, chiedere notizie del nostro Paese o semplicemente parlare di calcio.

Habana Vieja

La ristrutturazione in atto sta portando alla luce i colori vivaci degli edifici,  mostrando l'originaria maestosità e la bellezza dell'Avana nel periodo del suo massimo splendore, ma l'impressione che si avverte è che sia solo un'operazione di facciata: la povertà rimane immutata col passare degli anni e gli introiti che giungeranno da questa "messa a nuovo" non andranno a migliorare le condizioni di vita degli abitanti. Almeno finchè non ci saranno riforme più sostanziose rispetto a quelle disegnate dal governo Castro e perdurerà l'embargo da parte degli Stati Uniti.

Habana Vieja
Habana Vieja

Non sono solo gli stucchi ad essere svaniti. Le case sono pericolanti, le mura mostrano sempre più  crepe, l'intonaco cade a pezzi... Siamo passati sotto porticati crollati e abbiamo visto come vivono gli abitanti: in stanze semplici, essenziali, con un letto, un tavolo e poco più... Un quadro piuttosto scioccante che contrasta notevolmente con i racconti di certi italiani che al ritorno da una vacanza a Cuba (magari trascorsa tra i vivaci locali dell'Avana o sulle spiagge caraibiche di qualche località balneare) chiosano con l'immancabile frase "sono poveri ma felici".
La mia sensazione è stata un pò diversa.

Fine 1^ parte | Leggi qui la 2^!.


Ti potrebbero anche interessarer:
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento