giovedì 22 settembre 2011

Vertical Sprint a Milano: sul grattacielo più alto d'Italia la corsa più pazza del mondo

Per motivi economici la 6^ edizione (2012) di Vertical Sprint NON si svolgerà....


Palazzo Lombardia
Quello che vedete nella foto qui accanto è il Palazzo Lombardia a Milano, dal 21 marzo scorso l'attuale sede della Regione oltre che il grattacielo più alto d'Italia con i suoi 161 metri (contro i 127 metri del precedente detentore del record, il "Pirellone").
La prossima domenica, il 25 settembre, avete la possibilità di visitarlo nel corso di tutta la giornata, prima, durante e dopo lo svolgimento di una delle corse più pazze del mondo... il Vertical Sprint!
Una manifestazione che quest'anno giunge alla 4^ edizione ed è inserita nel Vertical World Circuit, il campionato del mondo della specialità. 
Ok, ma che cos'è il Vertical Sprint?
Vertical Sprint
E' una competizione che si svolge in salita lungo i corridoi delle scale di torri o grattacieli.... nata 6 anni fa, adesso coinvolge l'Empire State Building di New York, la Tower Running di Basilea, la Tower 42 di Londra, il Taipei 101, il Berlin Skyrun, lo Swissotel di Singapore (il prossimo 20 novembre) e il grattacielo di San Paolo (il 3 dicembre 2011).
La gara internazionale vedrà la partecipazione di 154 atleti tra i migliori al mondo (su tutti il campione tedesco Thomas Dold, già vincitore 2 volte a Milano e 6 volte a New York) con partenza alle 11:30 dal piazzale davanti al Palazzo Lombardia, con i primi 50 metri in piano, i successivi 142 metri di scalini (in tutto 866) e gli ultimi 20 metri in piano, sulla terrazza in cima al grattacielo, al 39° piano!
Quanto ci impiegheranno i più bravi? Meno di 8 minuti....
Coloro che invece giungeranno per assistere alla gara o per una visita al palazzo, potranno utilizzare l'ascensore dalle 10 alle 18, recandosi nell'area di piazza Coperta.con ingresso da via Galvani 27.

Ti potrebbero anche interessare:
(Foto in alto tratta dall'album di sarabrag su Flickr)

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento