giovedì 15 marzo 2012

Cosa vedere a Mostar: dalla moschea Koski Mehmed-Pašha il panorama più bello della città

panorama Stari Most Mostar
Quando si parla dei Paesi dell'ex Jugoslavia e si nomina Mostar, a tutti viene in mente lo Stari Most, il Ponte Vecchio del XVI secolo distrutto durante la guerra tra i croati ed i bosniaci nel 1993 che venne poi ricostruito nel 2004 ed entrò a far parte dei Patrimoni dell'Umanità dell'Unesco. Un viaggio a Mostar però non può limitarsi a qualche foto al ponte e ad una passeggiatina nel centro storico rimesso a nuovo.
La città più importante dell'Erzegovina possiede moschee, chiese cattoliche ed ortodosse, edifici, piazze ed angoli nascosti che meritano una visita. La prima meta di questo viaggio alla scoperta di Mostar è la moschea di Koski Mehmed-Pasha (o Pašina).

La sua cupola di color celeste risulta inconfondibile dallo Stari Most, soprattutto di notte, quando è ben illuminata: basta osservare la sponda sinistra del fiume Neretva nella direzione in cui le acque si fanno incontro a voi... alzate lo sguardo e la trovate in mezzo al verde, con il suo svettante minareto.

Mostar moschea Koski Mehmed-Pasha
Mostar moschea Koski Mehmed-Pasha

Per arrivarci basta percorrere la via più bella del centro storico, la Kujundziluk, un tempo la via degli antichi orefici, oggi la strada dei negozi e di qualche locale dove potete assaggiare qualche dolce al miele tipicamente bosniaco (occhio! Alcuni oltre ad essere dolcissimi sono duri come il muro... occorrono buoni denti e basse percentuali di glicemia nel sangue).

All'inizio troverete anche uno dei locali che vanno per la maggiore, l'Open Sezame ("Apriti Sesamo"...), aperto solo di sera e carino per l'ambientazione all'interno di una grotta. Ma proseguiamo oltre senza farci distrarre ulteriormente. L'accesso al cortile della moschea Koski Mehmed-Pašha si trova sulla destra della via acciottolata, attraverso una porta in legno sormontata da un piccolo arco in pietra.

Mostar moschea Koski Mehmed-Pasha

Una fontana per le abluzioni che da fuori ha tutto l'aspetto di un pozzo è collocata al centro ed è una delle poche costruzioni sopravvissute alla guerra bosniaca. Il resto (la madrasa che oggi ospita i negozi e l'edificio della moschea) furono gravemente danneggiati e poi sottoposti ad un certosino lavoro di restauro. 

Mostar moschea Koski Mehmed-Pasha

Dalle guide risulta che la cupola ed il minareto risalgano al 1618 e che le decorazioni interne ed esterne abbiano comunque conservato i brillanti colori originali. Quello che colpisce in effetti sono le tonalità di giallo e le vetrate colorate che conferiscono all'ambiente una grande luminosità.

Mostar moschea Koski Mehmed Pasha

Per accedere al suo interno occorre pagare un biglietto (l'equivalente in marchi bosniaci di 2/3 euro) ed anche se la visita si risolve piuttosto alla svelta (la moschea non ha molti arredi se non una bellissima scala e un mobiletto in angolo) vale la pena entrare dentro anche solo per salire in cima al minareto.

Mostar Stari Most

Da sopra probabilmente si ammira il panorama più bello su Mostar. Oltre ad un'ottima visuale dello Stari Most, si può vedere la distesa dei tetti in pietra delle case ottomane del quartiere sottostante, che si sviluppa come un unico corpo a forma di mezzaluna da una sponda all'altra del fiume attraverso il Ponte Vecchio che fa da congiunzione.

Mostar moschea Koski Mehmed Pasha
Mostar moschea Koski Mehmed-Pasha

Prima di andar via non dimenticate di andare al giardino retrostante! Nel piccolo spazio protetto da un muricciolo in pietra si gode di un'altra impagabile vista del simbolo della città.

panorama stari most mostar

Altre foto di Mostar le trovate sull'album su Facebook.

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento