martedì 3 aprile 2012

Il medievale Pont Valentrè, meraviglia francese sul Cammino verso Santiago

 Pon Valendrè
Vicino al Cammino di Santiago de Compostela nella regione dell'Aquitania (sud-ovest della Francia) si trova uno dei ponti medievali più belli e meglio conservati d'Europa.
Il Pont Valentrè è il simbolo di Cahors, un'incantevole città circondata dall'ansa del fiume Lot fondata nel I secolo a.C. che merita assolutamente una sosta. Da non perdere sono le terme gallo-romane de l'Arc de Diane, la Maison Henry IV e la cattedrale Saint-Etienne, posta proprio sul Camino. Ed ovviamente il ponte a sei arcate gotiche sul Lot.


Il Pont Valentrè, patrimonio dell'Unesco dal 1998, possiede un fascino particolare, accresciuto dalla fama che accompagna il suo soprannome: il Ponte del Diavolo... la sua costruzione, iniziata nel 1308 in occasione delle, si potrasse per oltre mezzo secolo e una delle tante leggende narra che ciò fosse dovuto al patto intercorso tra l'architetto e Satana.

Pon Valendrè
foto di Marceau R
In cambio di un aiuto per terminare i lavori, l'uomo aveva venduto l'anima al diavolo ma ben presto si pentì e per rimandare il completamente ogni notte toglieva un mattone dalla torre centrale. Satana però se ne accorse e lo punì. Quel che resta oggi è una magnifica opera di architettura medievale militare e una scultura in rilievo che rappresenta un diavoletto sulla torre centrale, chiamata la Tour du Diable.

Pon Valendrè
foto di megathud
Potete ammirare il Pont Valendrè in tutta la sua bellezza ed imponenza - per dare qualche numero, la sua lunghezza è di 138 metri e le tre torri quadrate sono alte 40 metri - da tre punti di osservazione privilegiati:
  • dalla Fontaine des Chartreaux
  • dalle Terrasses Valentrè
  • dall'alto delle colline del Croix Magne e del Monte Saint Cyr
Pon Valendrè
foto di se-r
Il ponte di notte è ben illuminato e negli anni scorsi è stato teatro di uno spettacolo di luci.

(Foto in alto di Nelson Minar)

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento