lunedì 16 luglio 2012

Alla scoperta della vera Marsiglia (2^ parte): il Marché du Soleil e non solo!

continua la 2^ parte del giro di Marseille
in compagnia di Remo!
Altri consigli su cosa fare e dove mangiare
li trovate nella 1^ parte (leggi qui)
Marsiglia Goudes
Proseguendo sulla Corniche, fino a dove la strada continua, si arriva aux Goudes, pittoresco villaggio nell’ultimo arrondissement di Marsiglia. Non si vedono più i palazzoni tutto attorno, non sembra nemmeno di essere in città. Qui viveva Fabio Montale, il protagonista dei romanzi di Izzo. E da qui cominciano le calanques, accessibili esclusivamente a piedi o in barca. Da Les Goudes la via prosegue per circa 1 km e finisce nel delizioso villaggetto di Callelongue. Da lì in poi è soltanto roccia e mare.

Dal lato destro del vecchio porto, all’estremità opposta rispetto aux Goudes, si trova L’Estaque, altro piccolo paese di pescatori inserito nella metropoli. Anche qui l’atmosfera è suggestiva ed è ancora possibile trovare degli ottimi ristorantini di pesce.
Ma uno dei luoghi più strani e stimolanti di Marsiglia è il Marché du Soleil. La prima volta l’ho scoperto per caso non sapendo della sua esistenza. O meglio, non credevo che il brano del Massilia Sound System “Le Marché du Soleil” si riferisse ad un luogo reale. Nella via che si deve percorrere per raggiungerlo pare di essere ad Algeri, ci sono esclusivamente negozietti arabi, bar, vestiti colorati, cibi, macellerie hallal. E’ a tutti gli effetti un mercato, all’interno di un edificio. Decine di piccole botteghe, senza serrande o vetri, occupano spazi più o meno piccoli e propongono un vasto assortimento di articoli, esclusivamente arabi: dai vestiti ai casalinghi passando per gli elettrodomestici. Marselha, capitala de l’emperi dau soleu.

(video di MSoundSystem)

(Foto in alto tratta dall'album di L'imagiraphe (en travaux) su Flickr)

Ti potrebbero anche interessare:
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento