martedì 30 ottobre 2012

I Palheiros, le casette a strisce color pastello a Costa Nova in Portogallo!

Aveiro Costa Nova palheiros
Il mio primo impatto con l'Oceano Atlantico è stato a Costa Nova do Prado, una piccola località balneare a una decina di chilometri da Aveiro. Mi ricordo una lunga distesa di sabbia, qualche sparuto ombrellone chiuso e tante, tante, tante tende da spiaggia... un chiaro segnale che presagiva come sarebbero state le nostre vacanze portoghesi: ventose! (E indimenticabili). La temperatura dell'acqua non era propriamente un invito a fare un tuffo ma d'altra parte non eravamo giunti fin lì per fare il bagno. Il motivo principale erano le palheiros, le caratteristiche casette a strisce verticali oppure orizzontali color pastello!

Costa Nova ha dei buoni ristoranti di pesce ed anche delle pasticcerie che sfornano delle deliziose pasteis de nata (non la fine del mondo come quelle di Belem, ma quasi!) però i turisti che arrivano fin qui lo fanno soprattutto per fare surf ed ammirare il colpo d'occhio delle abitazioni disposte, le une di fianco alle altre, sul lungomare.
Case di legno con la facciata a strisce verticali bianche e verdi, bianche e gialle, bianche e rosse o bianche e blu!

palheiros costa nova portogallo
foto di Viaggiatore fantasma su Flickr
Il loro nome è “palheiros”, cioè pagliai, perché fino a un paio di secoli fa venivano costruite dai pescatori con paglia e canne per essere utilizzate come magazzino per le reti e il materiale per la pesca.
Poi il paese si trasformò in località turistica balneare e comparvero le strisce verticali a coprire le assi orizzontali di legno... adesso dei semplici capanni non è rimasto più niente: ogni dettaglio delle casette è curatissimo e dalle finestre si intravedono stanze arredate con gusto in stile anni '60.

Costa Nova si affaccia sul litorale centro-settentrionale del Portogallo, a 75 km a sud di Porto e 250 km a nord di Lisbona.

Aveiro Costa Nova palheiros
foto di christian.parreira su Flickr
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento