martedì 19 marzo 2013

Cosa vedere a Montreal | Canada on the road

Diario di viaggio in Canada: terzo giorno: Montreal
Montreal Canada
Non facciamo in tempo a salutare Quebec City che 3 ore e 250 km dopo siamo già a Montreal! La prima cosa che vediamo al nostro arrivo è un'isoletta sotto un ponte dove si trova il parco giochi “La Rode”, residuo di una fiera mondiale del 1967, e la Biosphere, che ospita un museo dell’ambiente. L’isola accanto è l'Ile de Notre Dame, famosa per il circuito Gilles Villeneuve di Formula 1.
Ci addentiamo in questa grande città piena di grattacieli e traffico, diversissima dalla piccola e adorabile Quebec.

Parcheggiamo nella zona di Chinatown, vicino alla mega pagoda rossa e ci dirigiamo nella zona denominata Vieux-Montreal, la più europea della città. La prima meta sono i Camps de Mars, un ampio prato verde dove si affacciano il nuovo ed il vecchio Palazzo di Giustizia ed il magnifico Hotel de Ville, un palazzo in stile francese sede del municipio. Di fianco si trova lo Chateaux Ramezay, costruito dall’undicesimo governatore di Montreal che sentiva così tanto la nostalgia della Normandia che fece costruire questa residenza in modo che ricordasse i castelli della sua terra. Oggi è un museo con all’ingresso dame vestite in abiti d’epoca.

Montreal Canada
Chinatown
Montreal Canada
hotel de Ville
Montreal Canada
Montreal Canada

Giriamo per Place Jacques Cartier, acciottolata e completamente pedonale, fino ad arrivare al Marche Bonsecours che nel XIX secolo era la sede del Parlamento prima di diventare un mercato. Lì vicino c’è la Chapelle Notre Dame de Bonsecours che fu  il rifugio spirituale dei marinai del Quebec. Bellissimi gli interni dipinti e le bellissime vetrate colorate.
Girovagando per le vie pedonali e piene di negozi di souvenir ci avviamo verso il vecchio porto che oggi è stato trasformato in parco con una bellissima vista sul fiume e sulla città. Ci fermiamo per mangiare qualcosa in un vecchio stabile ora pieno di fast food di ogni tipo.

Da qua si raggiunge velocemente il museo archeologico Pointe-à-Callière che effettua un  tour sotterraneo tra rovine e antichi acquedotti del XVII secolo. Avendo poco tempo a nostra disposizione siamo andati alla maestosa Basilique Notre Dame del 1829, una delle più belle chiese del Nord America, dicono. Dalle foto l’interno sembra spettacolare, con un incredibile altare maggiore tutto intarsiato in legno e la navata illuminata da un rosone sotto un soffitto di lapislazzuli, ma.... non ci fanno entrare perchè è in corso un matrimonio :-(
In compenso abbiamo visto arrivare la sposa in limousine e le quattro damigelle vestite di fucsia, tutte uguali, proprio come nei film.

Montreal Canada
Montreal Canada
Montreal Canada

Lasciamo la basilica, al centro della movimentata Place de Armes, e con essa la Viex Montreal per addentrarci nella parte più moderna della città, su per Rue University fino ad arrivare a una curiosa statua in pietra che nella nostra immaginazione assomigliava ad un maestro di arti marziali. Ne abbiamo subito approfittato per fare qualche foto alla Kung Fu Panda :-)

Montreal Canada

Il tempo per qualche risata e proseguiamo il giro. Vogliamo vedere tutto di Montreal!!! La tappa successiva è la Cathedrale Marie Reine du Monde costruita nel 1852 al posto della prima chiesa cattolica di Montreal distrutta per un incendio. Appena messo piede dentro sentiamo subito un’aria molto familiare e scopriamo che il vescovo la volle edificare sul modello della Basilica di San Pietro per mostrare al papa la fedeltà del suo gregge.
Due limousine infinite all’ingresso ci fanno capire che anche qua si sta per celebrare un matrimonio ma per fortuna abbiamo potuto visitarla lo stesso! La chiesa è più piccola dell'originale (scala 1:4) ma gli interni sono una riproduzione esatta di San Pietro come ad esempio l’enorme altare a baldacchino che è la copia di quello del Bernini.

Montreal Canada

Le nostre gambe cominciano ad andare da sole e tra i grandi grattacieli che si riflettono gli uni sulle pareti di vetro degli altri, arriviamo alla Mc Gill University, la più antica università del Canada, in pietra bianca, fondata nel 1821.

Montreal Canada
Montreal Canada
Montreal Canada

Il prossimo obiettivo è l’Underground City che venne costruita nel 1966 in seguito all’apertura della prima metro. Praticamente una città sotterranea sotto la città! In linea teorica si potrebbe vivere tranquillamente qua sotto senza mai salire in superficie... una rete di 30 km unisce circa 200 ristoranti, le stazioni, i cinema, gli alberghi e oltre 1600 negozi ma a dispetto di quanto si posso pensare è davvero luminosa e pulita, oltre che immensa. Noi ci perdiamo un po’ gironzolando per negozi e facendo acquisti e risbuchiamo come per magia in un’altra parte della città.

Tornando alla macchina passiamo da Place de Arts - chiusa per una festival - per visitare la Christ Church Cathedral, un bellissimo edificio gotico in pietra e la Saint James United church in cui su sta svolgendo un concerto di musica classica di piano e violino.

Montreal Canada

In auto ci dirigiamo all’Olympic Park, disegnato per le Olimpiadi del 1976. Qui si trova anche il Biodome - nato come velodromo e adesso museo dell’ambiente con la riproduzione di 4 ecosistemi - e la Montreal Tower, la più alta torre inclinata del mondo, dalla cui altezza (175 metri) si gode di un bellissimo panorama sulla città.
Di fianco al parco si trova il Jardin Botanique, tra i più grandi del mondo con i suoi 75 ettari, 10 giardini aperti e 10 serre. Meriterebbe sicuramente una visita ma il tempo corre, così lo abbiamo visto solo da fuori.

Montreal Canada
lo stadio olimpico e la Montreal Tower
Di nuovo a bordo, ci dirigiamo all’ultimo punto panoramico della città, il mio preferito, il Parc Mont Royal! Nel 1535 Jacques Cartier chiamò così questa collina alta appena 234 metri, poi il nome passò alla città. Nel 1876 la zona divenne un parco il cui progetto venne affidato a Olmsted, colui che disegno il Central Park di New York.
Fantastica la sua terrazza panoramica che si affaccia sui grattacieli di Montreal! E ovviamente non poteva mancare l’incontro con un simpatico scoiattolo.

Montreal Canada
Montreal Canada

Poco distante lungo la discesa, si trova un altro punto panoramico e qui, proprio sotto la balconata panoramica facciamo conoscenza con una numerosa famiglia di... ghiottissimi procioni! Una meraviglia! Uno grassottello ci guardava senza muoversi con i suoi occhioni neri mentre un altro più snello si infilava la zampina e curiosava in giro. Le fotografie si sono sprecate...

Montreal Canada

E adesso Ottawa!


(Foto e testo di Ilaria Guerzoni)
...to be continued
Ti potrebbero anche interessare:
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento