martedì 6 agosto 2013

Da non perdere a Belgrado: una cena sul Danubio o sulla Sava su una barca-ristorante

splavovi ristorante barca Belgrado Sava
Uno dei ricordi più belli che ho del nostro viaggio in Serbia è legato alla seconda serata che io e Sara abbiamo trascorso a Belgrado. Eravamo in pieno agosto, di giorno le temperature sforavano ampiamente i 30° ma la sera ci concedevano una tregua. Una bella cenetta romantica in riva al fiume ci stava proprio bene quindi.... Decidemmo allora di provare uno di quei ristoranti sui barconi che avevamo visto il giorno prima, quando avevamo sperimentato la famosa vita notturna della capitale serba, ribattezzata da qualcuno non a caso la "Barcellona slava".

Un gruppetto di ragazzi italiani che avevamo incontrato nel nostro hotel a Stari Grad (in pieno centro) ci avevano consigliato di andare sulla sponda occidentale della Sava, proprio di fronte al parco Kalemagdan che di notte è illuminatissimo e con i suoi riflessi sull'acqua contribuisce non poco a dare un tocco di fascino al panorama della Belgrado by night.

splavovi ristorante barca Belgrado Sava

L'idea di cenare in uno splav, cioè una chiatta o una barca ancorata sulla riva di un fiume trasformata in ristorante, club o locale, ce l'avevamo fin prima della partenza. Il dubbio che avevamo era di altro genere: quale lungo-fiume scegliere? 
Di splavovi a Belgrado ce ne sono moltissimi! Tenete presente che Belgrado è il punto di confluenza dei fiumi Danubio e Sava: la riva sud del primo e quella est del secondo delimitano l'area principale della città (con Stari grad, Vracar, Savski Venac, Palilula...) mentre tra la riva ovest della Sava e quella sud del Danubio (più a ovest rispetto all'altra zona) c'è Novi Beograd.


La più alta concentrazione di barconi-ristorante è (da nord a sud):
  • sulla sponda sud del Danubio davanti all'hotel Jugoslavija (Novi Beograd), uno dei punti i riferimento della città (cerchiato in rossa nella mappa)
  • sulla sponda ovest della Sava, poco prima che il fiume si getti nel Danubio, passato il ponte Brankov (la linea rossa)
  • sul fiume Sava a sud di Beograd, nella zona chiamata Ada Ciganlija che ospita la spiaggia che frequentano i belgradesi (fuori mappa)
I locali più alla moda sono quelli sulle acque del Danubio (l'Acapulco, il Leonardo, l'Amsterdam, l'Amfora, il Blaywatch...) ma noi scegliemmo di andare sulla Sava perchè ci sembrava più adatta ad una serata tranquilla. Qui si trovano una decina di splavovi, la maggior parte dei quali è aperto come ristorante fino alle 23 per poi alzare il volume della musica e mutare in un disco-pub che serve cocktail e tira avanti fino alle prime ore del mattino.

splavovi ristorante barca Belgrado Danubio

I prezzi sono più o meno gli stessi, con qualche eccezione verso l'alto. Con una spesa di 15-20 euro a persona (un po' più caro dei ristoranti sulla terraferma, ma il panorama dal fiume vale la maggiorazione!) si riesce ad avere una buona cena.
Noi siamo andati al Diners Club Iternational, un barcone elegante con luci soffuse e una splendida vista!
Abbiamo ordinato (in due) una zuppa di pesce, una specie di torta salata con all'interno formaggio e carne (buonissima), carne alla griglia (roštilj) con contorno di patate e una versione serba del gulash. 
Siamo usciti  sazi e soddisfatti, pronti a tuffarci di nuovo nella movida belgradese 

splavovi ristorante barca Belgrado Danubio

Ti potrebbero anche interessare:

Posta un commento