mercoledì 9 ottobre 2013

Nella patria del prosciutto tra le dolci colline del medio Friuli

San Daniele Friuli
San Daniele andavo qualche anno fa per lavoro, visitavo i prosciuttifici che si trovano in località Villanova: dove la fresca aria di montagna incrocia l'aria più calda della valle, è il luogo ideale per la stagionatura delle cosce suine. In questa valle si incontrano le insegne dei principali produttori di insaccati locali e nazionali, aziende grandi e piccole che seguono passo passo questo prezioso prodotto e poi lo portano nelle tavole di tutto il mondo.
Anni fa entrai in un bar del centro per mangiare un panino, trovai un unico curioso cartello che ricordo ancora: panini lire 3.500. Come dire o prosciutto o niente. A fine giugno c'è Aria di Festa, un appuntamento che ogni anno permette di assaggiare il prosciutto di San Daniele in tanti modi diversi e anche di effettuare visite guidate ai prosciuttifici.

prosciutti San Daniele
foto di ruggigal su Flickr
Prima di pranzo facciamo due passi in centro, un borgo raccolto che mi colpisce per la sobrietà degli edifici e la fioritura di balconi e giardini. Il terremoto ha fatto danni ma non ha mietuto vittime per fortuna, anche il grande patrimonio di palazzi e ville antiche è stato abbastanza preservato. Sbirciamo nella chiesa di Sant'Antonio Abate, chiamata la piccola Cappella Sistina del Friuli in quanto all'interno è impreziosita da pregevoli affreschi della fine del XV secolo di Pellegrino da San Daniele. Ci sarebbero tante altre cose da vedere a San Daniele: la Biblioteca Guarneriana coi suoi preziosi codici miniati, il Duomo, la Casa del Trecento.


San Daniele Friuli
San Daniele Friuli
San Daniele Friuli
San Daniele Friuli
San Daniele Friuli
San Daniele Friuli

Ma il tempo, si sa, è tiranno, e dopo un ottimo pranzo al ristorante dobbiamo riprendere la strada di ritorno al capoluogo, Udine, da dove siamo partiti due giorni fa. Salutarci è difficile, abbiamo avuto tre meravigliosi angeli custodi:Alice, Cristina, Nicola, chissà quando avremo l'opportunità di rivederci. Ho conosciuto nuovi fantastici bloggamici: Monica, Serena, Salvatore. Insomma è stato un fine settimana coi fiocchi e ringrazio tanto la regione Friuli Venezia Giulia perché con queste visite mi ha riportato indietro nel tempo e mi ha davvero riempito il cuore. Ma presto tornerò, lo prometto.

Testo e foto di Roberta Zennaro.

La prima parte del post "La finestra sul fronte" la trovate qui.

LINKS UTILI

www.itineraridellagrandeguerra.it
www.golivefvg.com

Ti potrebbero anche interessare:
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook via Feed e su Twitter!

Posta un commento