mercoledì 8 gennaio 2014

California Dreaming: Los Angeles, prima tappa di un viaggio on-the road sulla West Coast!

Ilaria&Davide ci raccontano il loro viaggio on the road
sulla West Coast americana! Prima tappa, la Città degli Angeli!
Los Angeles
Dopo un sabato dedicato al viaggio, dove abbiamo potuto godere di una cambio gratuito in business class che ci ha fatto volare come se niente fosse le 11 ore di volo, la nostra avventura inizia la domenica mattina nella città delle star, Los Angeles!

Consiglio da subito di noleggiare un mezzo in quanto è decisamente una città per le auto, i trasporti sono pochi e male collegati. Come prima cosa ci dirigiamo nel rinomato quartiere di Beverly Hills: siamo su una Sunset Boulevard davvero elegante, a destra troviamo la city hall e a sinistra la famosa scritta che contraddistingue il quartiere e ci inoltriamo con la nostra macchina su per queste bellissime vie collinari. 

Los Angeles
Los Angeles
Los Angeles

I viali alberati non hanno fine e le ville che vediamo sono bellissime, proseguendo su per i colli si arriva al Beverly Hills Hotel, famoso per aver ospito tanti attori e per essere interamente rosa. Tra la gente che fa jogging avvistiamo anche qualche villa di attori famosi, ma queste sono le meno suggestive (almeno a nostro parere) perché sono completamente nascoste da muri e da cancelli e non si riesce ad ammirare nulla al contrario della altre bellissime reggie con i loro lussureggianti giardini a vista. Ah, se vi interessa la mappa con le ubicazioni delle ville dei vip si può acquistare per 5 dollari sull’Hollywood Boulevard.

Los Angeles

Dopo qualche foto ci dirigiamo a Rodeo Drive dove Pretty Woman fece i suoi più raffinati acquisti ed eccolo lì ad attenderci con la sua magnificenza proprio il Regent Beverly Wilshire, l’hotel di Richard Gere nel film! Ci intrufoliamo nella hall per sbirciare e iniziamo subito il nostro primo giorno con un po’ della magia del cinema americano (sarà che qua ogni cosa che vedo mi ricorda un film!). 

Los Angeles
Los Angeles
Los Angeles

Ripresa l’auto giriamo per Melrose Avenue fino a Melrose Place (i nostri primi telefilm erano proprio questi) fino ad arrivare ad Hollywood dove il Sunset Boulevard cambia faccia, costellandosi di un sacco di locali famosi dove sono stati lanciati tantissimi gruppi: Whisky a gogo (che ha ispirato il bourbon del musical Rock of Ages), Viper Room, House of Blues. Questa città, come dicono molti, sembra un po’ finta ma per quanto decaduta la magia di Hollywood per me è rimasta per tutti questi giovani che sperano di diventare famosi. Non ho visto un americano grasso o fuori forma, sembrano tutti dei bellissimi attori pronti per la ribalta.

Los Angeles

Moltissimi gli artisti che si esibiscono in Hollywood Boulevard proprio davanti al Chinese Theatre e al Kodak. In questa via c’è una marea di gente, la maggior parte turisti, che guardano per terra alla ricerca della stella del loro artista preferito per poi farci una foto sorridendo come se lo avessero incontrato veramente. Insomma questa città è riuscita a suo modo a farmi mettermi allegria. 

Los Angeles
Los Angeles
Los Angeles
Los Angeles
 Los Angeles
Los Angeles
Bellissimo anche il centro commerciale di fianco al Dolby Theatre da cui si può vedere la scritta Hollywood, anche se... è piccola e in lontananza. Ma quanti di voi non si emozionerebbero a vederla? E dire che era stata messa lì solamente per pubblicizzare il quartiere in fase di costruzione mentre ora è uno dei simboli della città. 
Su e giù a piedi per il quartiere, tra artisti, stelle, negozi e teatri, siamo andati a vedere anche l’Hotel Las Palmas abitazione sempre della nostra amata Julia Roberts in Pretty Woman. Come potevo non immaginarmi richard Gere col mazzo di fiori sul tetto della limo?

Los Angeles

La mattina è cosi volata e dopo un pranzo veloce al Johnny Rocket (che buone le patatine dolci!) corriamo in macchina al Griffith Park per poter vedere l’osservatorio. Da qua si ha una ottima vista sulla scritta Hollywood (comunque sempre in lontananza) e un'altra favolosa sulla città degli angeli anche se bisogna avere un po di fortuna in quanto spesso c’è la foschia dovuta allo smog. A noi è andata bene e ci godiamo questo immenso panorama.

Los Angeles

E' domenica e le strade sono completamente libere così possiamo scorrazzare in santa pace da una parte all’altra della città (scopriremo poi a nostre spese, al rientro, che non è assolutamente cosi durante la settimana, se potete visitate il più possibile la domenica!) ci dirigiamo quindi all’Historic District in Olvera Street, tra la Union Station e El Pueblo: sembra di essere in un altro mondo, completamente messicano, dove si viene sopraffatti dagli odori e dai colori e dal calore delle persone. Da qua facciamo un giro veloce per il Financial District, deserto di domenica, e visitiamo la famosa chiesa di Our Lady of the Angels, una chiesa moderna davvero particolare che ci ha colpito per i suoi immensi spazi. 

Los Angeles
Los Angeles
Los Angeles

Passiamo per la Disney Hall, una bellissima costruzione moderna, per la City Hall di L.A. (che viene usata come Planet in Superman) e molti altri grattacieli. Da visitare ci sarebbe tantissimo come la Library e il Bradbury Building nella cui hall si è svolta una famosa scena di Blade Runner ma vista l’ora corriamo a Santa Monica per goderci il tramonto sul suo bellissimo molo tanto visto in tv. 

Los Angeles

Su un semplice molo di legno che si propende sul mare ci sono un ristorante, negozi e un intero parco giochi che si illumina per magia allo scendere della sera. Tutto contornato da una bellissima spiaggia bianca e lunga con i bagnini di vedetta alla Baywatch.
Non manca proprio nulla per farci respirare l’aria americana. 

Los Angeles
Los Angeles
Los Angeles
Los Angeles
Los Angeles

...to be continued!
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook via Feed e su Twitter!

Posta un commento