lunedì 10 novembre 2014

Groningen, l'Olanda che mi mancava

groningen Olanda
Ho viaggiato molte volte in Olanda, ho visto molte città, col tempo mi sono innamorata di Utrecht e mi sono stancata di Amsterdam, ma non ero mai riuscita a visitare Groningen, nonostante mi tentasse molto. Questa volta, il mio sesto viaggio in Olanda, è stata finalmente la volta di Groningen. Una cittadina nell'estremo nord del paese, l'unica vera città di questa zona rurale, in cui ho trascorso due giorni e mezzo intensi e piacevoli.

Se chiedi di Groningen agli olandesi la prima cosa che ti dicono è che è piena di giovani per via dell'Università, ed è vero. Più della metà della popolazione è sotto i 30 anni, e studia o lavora in quella che è una delle università più importanti d'Europa. Questo crea un'atmosfera vivace e internazionale ma niente affatto turistica, la città è sempre animata, di giorno e di notte, e le persone che ho trovato sono state amichevoli e molto aperte. Un'atmosfera simile l'ho trovata soltanto a Utrecht, altra deliziosa città universitaria.

groningen Olanda

La seconda cosa che ti dicono è che Groningen è piccola ma molto bella, ed anche questo è vero. È una città antica, con tante testimonianze artistiche e architettoniche delle varie epoche storiche che ha attraversato, ed è sufficientemente piccola da poter essere visitata in modo approfondito in due giorni. Un canale punteggiato di barche, chiatte e boat houses delimita il centro storico, interamente pedonalizzato e chiuso al traffico delle auto: è un piacere passeggiare per le strade della cittadina e doversi preoccupare solo delle biciclette!

groningen Olanda

COSA FARE A GRONINGEN


La prima cosa da fare a Groningen è una lunga passeggiata per il centro storico, magari accompagnati da una guida turistica che indichi e racconti i luoghi di interesse. Io devo ringraziare Mihil, la mia guida turistica, perché è stata davvero preziosa per conoscere a fondo la città.

Gli edifici e gli angoli caratteristici della città sono tanti, e ognuno racconta un pezzetto di storia. Come la Martinitoren, la torre quattrocentesca che domina una delle estremità della grande piazza del mercato, la Grote Markt, e che un tempo era l'edificio più alto d'Europa. La torre è stata parzialmente distrutta, abbassata e poi rialzata fino all'attuale altezza di 97 metri. Si può salire in cima alla torre e godere del panorama a 360 gradi sulla città.

groningen Olanda

Non perdetevi una visita anche al Prinsenhof: un tempo monastero e sede del vescovo, poi residenza principesca, quindi usato come sede per la pubblica amministrazione. Recentemente restaurato, oggi il Prinsenhof è la sede di un hotel e di un ristorante, il Gran Cafè, ricavato da quella che una volta era la chiesa del monastero. Ottimi sandwich, zuppe e insalate in un ambiente molto caratteristico, ricercato ma informale. La visita al cortile è libera.

Se arrivate a Groningen in treno la prima cosa che vedrete appena usciti dalla stazione sarà il Groninger Museum: una struttura moderna e colorata che sorge su un'isola artificiale in mezzo al canale, collegata con due ponticelli alle sponde. Il museo, progettato da Alessandro Mendini e inaugurato nel 1996, è da non perdere. Piacerà non solo agli appassionati di arte e di architettura contemporanea, ma anche a chi non se ne intende troppo: la struttura e le opere sono piene di forme e colori, stimolano l'immaginazione e suscitano curiosità, e sono spiegate in modo chiaro e semplice, rendendole comprensibili a tutti.

groningen Olanda

E NON PERDETEVI I GASTHUIS!


Un consiglio: se prendete una guida turistica per un walking tour alla scoperta di Groningen (e vi consiglio di farlo) fatevi guidare alla ricerca e alla scoperta dei Gasthuis. Nel medioevo e rinascimento i Gasthuis erano strutture composte da abitazioni e servizi comuni raccolte intorno ad un cortile, dove i poveri e i malati potevano trovare cure e ospitalità. Oggi conservano ancora tutto il loro fascino e le loro caratteristiche architetture, ma sono spesso nascosti all'interno degli isolati e accessibili solo da stradine private e poco visibili.
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook via Feed e su Twitter!

Posta un commento