mercoledì 19 luglio 2017

5 cose imperdibili da fare a Stoccolma in estate!

A cosa non dovreste rinunciare in un viaggio estivo a Stoccolma? Fondamentalmente potrei riassumere la risposta in una frase: a godersi le innumerevoli opportunità che offre la città all'aperto! L'estate è il periodo in cui gli svedesi vivono la giornata intensamente, cercando di trarre il massimo da ogni singolo minuto di luce. Quindi camminate, camminate, camminate! Visitate i parchi, trasformate la panchina di un giardino nel set di un picnic improvvisato, esplorate le isole che compongono Stoccolma e quelle che formano l'incredibile arcipelago che si frappone tra la capitale scandinava e il mare aperto... E soprattutto segnatevi i 5 punti che trovate sviluppati all'interno del post 😉.

ice bar stoccolma
Quando siamo stati a Stoccolma, nella seconda metà della seconda metà di luglio, abbiamo scoperto una città bellissima e vivace. Completamente differente da alcuni falsi e sciocchi stereotipi che le dipingono "fredda e distaccata". Tutt'altro, io l'ho trovata molto dinamica e sprizzante di energia e idee. Per noi era la prima volta in terra svedese e avendo a disposizione 4 giorni - sopratutto considerando che volevamo vedere alcune isole dell'arcipelago - abbiamo dovuto fare delle scelte, ripromettendoci di tornare per vedere tutto quello che ci siamo persi. Magari in un'altra stagione, per confrontare i colori e il carattere di Stoccolma quando il bianco della neve e l'oscurità della notte occupano gran parte del lungo inverno del nord.
Tenete presente che dalle 6h e 30' circa di luce a dicembre (o se preferite 17h e 30' di buio) si passa alle 18h di giugno! A luglio le giornate si allungano ancora un po' di più con il sole che arriva a svegliarsi poco dopo le 3:30 e si corica appena passate le 22, trascinandosi dietro per oltre un'ora la coda del crepuscolo. E ad agosto le ore diurne sono in media quasi 17. 
Noi quindi abbiamo ristretto al massimo la visita ai musei (lo so, è un peccato non andare al Moderna Museet, al Fotografiska o all'"Abba, The Museum"!) limitandoci all'irrinunciabile Vasa, il galeone rimasto per 333 anni sul fondo del porto di Stoccolma e recuperato praticamente intatto, e all'Historiska Museet, il Museo di Storia svedese, per dedicarci ad altre attività. Tra tutte vi suggerisco:

VISITARE IL CASTELLO DI DROTTNINGHOLM


Drottningholms Slott è il primo sito svedese iscritto nella lista dei patrimoni dell'umanità protetti dall'Unesco e assolutamente una meta da non perdere in un viaggio a Stoccolma in estate! Si trova a 11 km a ovest della città e per raggiungerlo potete scegliere di:
  • prendere il bus 3, 53, 59, 65 o 176, in partenza dalla stazione della metropolitana Solna o il 301, 323 o 176 da Bromma (dalla stazione della metro Brommaplan T-Bana collegata dalla linea 18);
  • arrivarci dal mare, in battello! La partenza è dal molo di Stadshusbron.
Io vi consiglio questa seconda opzione, praticabile dal 1° aprile alla fine di ottobre, prima che le acque del lago Mälar su cui si affaccia la tenuta reale si congelino. La vista del castello di Drottningholm e del parco reale dalla barca è magnifica e non ve ne pentirete!

castello drottingholm stoccolma

Cercate di partire al mattino, in modo da poter visitare tutto con calma e poter scegliere senza ansia il battello del ritorno.

Cosa c'è da vedere a Drottingholm? 


Le sontuose sale del palazzo, dimora ufficiale della famiglia dei reali svedesi, e le due perle che le hanno valso l'ingresso tra i siti Unesco: lo Slottsteater, il piccolo teatro di corte da 100 posti, costruito nel 1766 e perfettamente conservato, dove in estate vengono rappresentati alcuni spettacoli utilizzando ancora i macchinari di scena d'epoca, e il Padiglione Cinese. E poi ovviamente gli sterminati giardini!

parco castello drottingholm stoccolma

Se siete in possesso della Stockholm Pass l'ingresso e il boat tour di un'ora per tratta sono gratuiti, altrimenti il prezzo per l'escursione è di 340 SEK per gli adulti (circa 34 €) e 170 SEK per i bambini dai 6 ai 15 anni.

FARE UN BAGNO ALL'ISOLA DI SANDO


Dopo il canal tour a Sandhamn, sull'isola di Sandö, non ho alcun dubbio! Al primo posto delle cose da fare a Stoccolma in estate ci metto sicuramente un'escursione al suo sorprendente arcipelago! Vi rimando alla lettura del post dedicato ai boat tour e in particolare a quello all'isola più esterna dell'arcipelago di Stoccolma (a 60 km in linea d'aria dal centro città!) per avere tutti i dettagli e le mie impressioni su questa "gita fuori porta" di un giorno - oltre che per vedere le decine di foto che ho scattato 😉 - e qui mi limito a sottolineare un'esperienza fighissima che forse non tutti penserebbero di poter fare a queste latitudini... il bagno in mare!

bagno arcipelago stoccolma sando

Se come noi decidete di fare una delle escursioni che arrivano alla località di Sandhamn, una volta approdati potete dirigervi all'altra parte dell'isola di Sandö, dove si trova un'ampia spiaggia di sabbia fine. Ci vogliono circa 20 minuti a piedi ma la camminata, buona parte sotto il sole, verrà ricompensata da uno scenario inaspettato.

In fondo se si chiama "isola sabbiosa" (in svedese Sandö) un motivo doveva pur esserci!

Non aspettatevi di essere da soli... le estati di Stoccolma e dintorni non sono così poco calde come qualcuno crede! Le temperature arrivano tranquillamente a 28°/30° e un bel bagnetto nelle acque fresche del mar Baltico non stona, tutt'altro!

bagno arcipelago stoccolma sando
bagno arcipelago stoccolma sando

Alle spalle dell'ampia distesa sabbiosa si distende una folta pineta, il posto ideale per consumare un pranzo veloce accompagnato con un dolcetto comprato alla panetteria Sandhamn Bageriet che si trova a 2 minuti a piedi dal porto di approdo.

UNA SOSTA O UN PRANZO VELOCE ALL'APERTO IN PIAZZA STORTORGET


Girovagare per le viuzze della città vecchia, Gamla Stan, è ai primissimi posti delle "cose da fare a Stoccolma" in qualsiasi periodo dell'anno! L'acciottolato, le pareti color ocra e rosso ruggine dei vicoli e i palazzi medievali, il cui nucleo originario risale al XIII secolo, sono una sorta di calamita dalla quale riuscirete a staccarvi con molta difficoltà.

gamla stan
le ombre e le luci di Gamla Stan
Al centro del centro storico, che si sviluppa tra gli isolotti di Stadsholmen, Riddarholmen, Helgeandsholmen e Strömsborg, si trova la piazza più famosa e fotografata della Svezia, Stortorget

stortorget gamla stan
spettacolo di strada a Stortorget
I localini e i ristoranti che si affacciano sulla piazza sono piuttosto turistici ma come spesso accade nella vita, c'è sempre l'eccezione che conferma la regola! In questo caso il Caffè che vi consiglio, frequentato dai turisti e dagli svedesi ma assolutamente meritevole di una sosta a mio giudizio, è il Konditori Grillska Huset, una pasticceria/panetteria che sforna paste deliziose come il rotolo Kanelbulle, la Lussekatter con l'uvetta o la torta di carote!

stortorget gamla stan

In sintesi, un buon posto, semplice, dai prezzi abbastanza contenuti (per gli standard di Stoccolma) per la... fika svedese, cioè la pausa caffè accompagnata da qualcosa di dolce o salato da sgranocchiare. Con una visuale niente male.

PASSEGGIARE PER DJURGARDEN E GODERSI IL TRAMONTO A TIVOLI


Prati, boschi, sentieri per camminare, fare jogging o andare in bicicletta. L'isola di Djurgården è la grande oasi verde di Stoccolma oltre che il luogo prediletto dagli svedesi per sublimare l'impellente bisogno di stare a contatto con la natura.

Djurgården stoccolma

Per un primo approccio potreste pensare a un giretto in barca - il classico tour dei canali "sotto i ponti" oppure la circumnavigazione di Djurgården (entrambi gratuiti per i possessori della Stockholm Pass) - o a un alternativo noleggio di un kayak, e poi successivamente potreste addentrarvi nel museo all'aperto più antico del mondo, lo Skansen! Qui troverete oltre 150 edifici tradizionali svedesi e il Lill-Skansen, una struttura che ospita un piccolo zoo dove gli animali hanno accesso a un recinto al chiuso e all'aperto.

Djurgården è anche l'isola che ospita il parco a tema per bimbi Junibacken (e dove si trova la casa di Pippi Calzelunghe! Ah, ovviamente non è così che si chiama in Svezia ma Pippi Långstrump!), il museo del Vasa e il parco divertimenti d'epoca Gröna Lund Tivoli!

Un consiglio? Andate al Luna Park al tramonto!


GUSTARSI UN COCKTAIL ALL'ICE BAR


Come ho scritto poco sopra, il termometro dell'estate a Stoccolma non segna valori esorbitanti come in Italia e sebbene a luglio ed agosto le medie delle temperature massime si attestino intorno ai 21/22° non è raro arrivare ai 28°/30° durante le ore più calde e l'idea di fare un tuffo in mare solletica la fantasia più di una volta durante il giorno. O di sorseggiare un drink al fresco... già! Lo sapete che a Stoccolma c'è il primo bar di ghiaccio permanente al mondo?!?!

ice bar stoccolma

Venne aperto nel 1994 e ora come allora si trova al pianterreno del Nordic Sea Hotel, al n° 4 di Vasaplan, praticamente di fianco alla stazione centrale!
Il locale è piccolo ma completamente fatto di ghiaccio, dal bancone del bar alle sedie, dalle mura ai quadri, dalle sculture ai bicchieri... E un gioco di luci colorate lo rende ancora più carino!
Prima di entrare dentro l'Ice Bar c'è una stanza in cui il personale vi fornirà di cappotto e guanti, dopo di che sarete pronti a provare questa originale esperienza.

Un post condiviso da @avventurosara in data:

La temperatura all'interno è di -7°, ragion per cui qualcuno non riesce a rimanerci per tutti i 40 minuti di tempo massimo consentito... succede soprattutto a coloro che si tolgono i guanti per scattarsi i selfie insieme ai cocktail variopinti (e buonissimi) preparati dal barman, sia alcolici che analcolici.
Noi ci siamo andati a metà pomeriggio e abbiamo trovato poca gente ma in altri momenti della giornata, specialmente di sera, c'è la possibilità concreta di dover aspettare un po' prima di entrare: il numero di accesso è limitato, quindi meglio prenotare!

ice bar stoccolma

Il biglietto costa 205 SEK e comprende l'ingresso, i guanti, il giubbotto e una consumazione. Forse un po' caro ma sicuramente è una di quelle cose che vi ricorderete a lungo!

Una curiosità: il ghiaccio con cui è costruito l'ice bar proviene direttamente dal Circolo Polare Artico!

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook via Feed e su Twitter!

Posta un commento