mercoledì 24 ottobre 2012

Cosa vedere in Val di Non? Non solo meleti! Castelli, santuari e Canyon

Canyon Rio Sass Val Non
Quando si parla della Val di Non il pensiero inevitabilmente va alle mele! Il frutto proibito e succulento di questa parte del Trentino dove più di 5000 agricoltori lavorano ai 7000 ettari del meleto che produce l'unica mela che ha ottenuto dalla Comunità Europea il riconoscimento di D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta). Ma le attrazioni della valle vanno ben oltre la bellezza (e la bontà) di quei frutteti e di tutto ciò che ruota loro attorno.
Ci sono altri gusti da assaporare, altri luoghi da vedere, altre sorprese da scoprire...

IL CANYON RIO SASS ED IL PARCO FLUVIALE NOVELLA


Dell'escursione al Canyon Rio Sass ho già parlato qualche mese fa (leggi qui) in occasione della visita allo stabilimento di MondoMelinda a Taio. Un'incursione - forse è il termine più appropriato - che era partita da Romallo, uno dei tre paesi in cui a rotazione avviene il ritrovo delle visite guidate, per giungere ad uno degli ingressi del Parco Fluviale Novella. Da lì, dopo una passeggiata nel bosco di circa mezzora tra la vegetazione del bosco, ponti di epoca romana e calcare, eravamo giunti al Canyon Rio Sass
Stavolta invece siamo partiti dall'ufficio della Cooperativa Smeraldo in piazza San Giovanni a Fondo - coperti da un mantello impermeabile e da un caschetto di protezione - e fatti pochi passi siamo scesi nel canyon! Il percorso inizia infatti nel centro storico di Fondo e scende tra le pareti di roccia. Uno sguardo al cielo e si vedono le casette del paese...!


Canyon Rio Sass Val Non

L'itinerario prosegue per meno di un'ora fino ad una vecchia diga in legno del XV secolo, tutt'ora intatta e funzionante, attraverso un suggestivo saliscendi su una passarella in metallo e alternandosi tra zone in cui la forra si fa più ampia e si vede il letto del torrente e tratti dove si passa uno per volta.
Non saprei dire quale dei due percorsi (quello di Fondo e l'altro dal Parco Fluviale) è il più bello. Io li suggerirei entrambi! L'emozione di trovarsi nella gola del Rio Sass merita almeno una volta di essere provata.


Canyon Rio Sass Val Non
Canyon Rio Sass Val Non

Nota: le visite sono guidate e si svolgono solo su prenotazione (per informazioni tel.0463.850000, mail: smeraldo@fondo.it)

I CASTELLI


La Val di Non è la patria delle Renette, delle mele Golden Delicious e Fuji. Ed abbiamo visto che è anche la Valle dei Canyon. Ma ci sono altri elementi che la connotano: i castelli.
La domenica mattina abbiamo avuto il privilegio di varcare il portone d'ingresso del Castel Valer di Tassullo, un maniero che vanta la torre più alta della provincia di Trento ed una storia che risale al 1211. Un privilegio in quanto il castello è la residenza privata dei conti Spaur, molto gelosi della propria privacy (non è possibile nemmeno scattare una foto...) e poco inclini (si spera solo per il momento) ad aprire le porte delle sale al pubblico. La nostra guida, una signora belga con un concetto molto tedesco sulla puntualità, ci ha portato nello spazio compreso tra le mura esterne e l'edificio centrale, e nella magnifica cappella di San Valerio recentemente restaurata, che mostra alcuni dei più bei affreschi della Valle. Sinceramente la visita mi è molto piaciuta ma mi ha lasciato una grande curiosità addosso... Il castello è visitabile una volta all'anno, salvo aperture straordinarie, in occasione di un concerto che si tiene nella piazzetta all'interno delle mura.


Castel Valer Tassullo Trentino
Castel Valer Val Non

Quali altri castelli ci sono da vedere?
  • su tutti il castel Thun del XII secolo (che visitammo lo scorso giugno e del quale prima o poi parlerò), tanto scenografico quanto bello al suo esterno ed al suo interno.
  • Il maestoso Castel Cles, a poca distanza dal paese, su un colle che si affaccia sul lago di Santa Giustina.
  • Il Castello di Altaguardia, che con i suoi 1280 metri è quello che si trova alla quota maggiore nel Trentino.
  • Il Castello di Coredo, circondato da un parco di alberi secolari.
  • Il Castel Malgolo, altra elegante dimora privata...

IL PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA


La più vasta area protetta del Trentino non poteva non abbracciare la valle più estesa! Una parte della Valle del lago di Tovel è compresa in questo enorme parco di 620 Kmq attraversato da un sentiero (l'"Aldo Bonacossa") che consente di girarselo tutto.
Altro percorso per gli amanti del trekking, della mountain bike o delle passeggiate a cavallo è il Dolomiti Brenta Bike.

IL LAGO DI TOVEL


Una meraviglia della natura! Impossibile non innamorarsene. Qui trovate il foto-post della visita.


lago Tovel Val Non
altre foto le trovate nell'album su Facebook

IL SANTUARIO DI SAN ROMEDIO


Una gradevolissima sorpresa! Me ne avevano parlato ma non credevo che fosse così bello. Due percorsi a piedi portano fino all'ingresso dell'edificio religioso gestito dai francescani: una strada più comoda che presenta un paio di tornanti ed una scalinata in pietra che arriva proprio laddove si erge il santuario, su uno sperone a 90 metri su uno strapiombo. Altri 131 gradini sono necessari per arrivare sotto la tettoia da cui si gode di una vista splendida. Con il vento che entra da sopra il balcone a rendere il tutto più emozionante.


santuario San Romedio Val Non

E POI ANCORA: CIASPOLATE, STRADA DEI SAPORI E....


Di cose da vedere e da fare ce ne sono molte altre! 
  • D'estate i sentieri che attraversano i boschi sono numerosi mentre in inverno oltre allo sci si può praticare la marcia con le ciaspole, ossia le racchette da neve. Un'esperienza che ancora non ho fatto e spero di provare presto :-) 
formaggi Trentino
  • Siete amanti della buona cucina? C'è la "Strada della mela e dei sapori" che si snoda per 150 aziende agricole, agriturismi e ristoranti dove poter gustare i prodotti tipici della Val di Non: ovviamente le mele, il formaggio Casolet della vicina Val di Sole, il Trentingrana, la Mortandela affumicata (un salume squisito prodotto solo in Val di Non, presidio Slow Food), il brazedel, una ciambella di farina di frumento, il miele e le confetture della Valle, ed il vino dei vigneti locali, il Groppello di Revò.
  • Infine il museo Retico di Sanzeno che raccoglie manufatti risalenti a un periodo compreso tra il 3000 a.C. e l'epoca romana .
Posta un commento