venerdì 13 dicembre 2013

Vienna a piedi o in tram lungo la Ringstrasse: un itinerario di visita

Un modo semplice ed efficace per entrare subito in sintonia con Vienna, è dirigersi verso la Ringstraße e percorrerla per intero. Il primo impatto sarà forse un po' condizionato dal grande traffico che caratterizza il grande "viale circolare" ma gli eleganti edifici ottocenteschi in stile neoclassico e neogotico riusciranno a isolarvi per un attimo e a farvi immaginare come fosse Vienna ai tempi dell'impero asburgico, quando i cavalli trainavano i tram prima ancora che questi ultimi divenissero elettrici e le auto non avevano fatto la loro comparsa...

Un balzo indietro nel tempo vi riporterà al 1865, anno in cui l'imperatore Francesco Giuseppe inaugurò, il 1° maggio, la Ringstrasse, un boulevard che collegava le sedi culturali e politiche e separava i quartieri centrali dello Stephansdome e dell'Hofburg dai sobborghi periferici prendendo il posto della vecchia cinta muraria e rivoluzionando gli spazi. 

Vienna Ringstrasse
Foto di roger4336 su Flickr
Gli scavi e i lavori di costruzione erano iniziati nel 1859 in seguito all'accettazione di una petizione voluta dagli architetti viennesi per bandire un concorso a cui partecipassero i migliori progettisti dell'epoca. Il risultato fu quello che adesso, a 150 anni dall'apertura (nel 2015 ci sono stati festeggiamenti per l'anniversario) è sotto gli occhi di tutti: 
un'immensa strada ad U che avvolge il cuore della capitale austriaca formando un anello insieme ad un'ansa del Danubio su cui si affacciano alcuni dei più importanti monumenti viennesi.


mappa Vienna Ringstrasse

VIENNA A PIEDI SULLA RINGSTRASSE


Se arrivate alla stazione U-bahn Schottenring potete iniziare un percorso a piedi (o in tram, come vedremo dopo) partendo proprio dal primo viale, lo Schottering. Procedendo lasciandosi il Danubio alle spalle, troviamo sul lato sinistro la Borsa, terminata nel 1877 su progetto dell'architetto Hansen mentre poco distante, verso l'interno, meritano una visita la Schottenkirche, una bella chiesa barocca, e la "casa a cassettone" sulla piazza Freyung.

Tornando sul viale, a destra potete vedere la bellissima sagoma della Votivkirche (1879), costruita sul luogo dell'attentato (fallito) a Francesco Giuseppe nel 1853 e laddove la strada svolta e prende il nome di Dr-Karl-Lueger-Ring, l'Università di Vienna, fondata nel 1365 ma trasferitasi in questo edificio nel 1883. Di fianco il Rathaus-park, una delle zone più magiche della città: in stile neogotico, domina la prospicente piazza (teatro dei mercatini di Natale) il magnifico Neues Rathaus! Un consiglio: fate il giro della Ringstrasse di giorno ma andate a vedere il nuovo municipio di notte. Accanto c'è la sede del Parlamento austriaco, altra opera di Hansen del 1884.


Vienna Ringstrasse Neues Rathaus
Neues Rathaus a Natale | foto di Curious Expeditions su Flickr 
Dall'altra parte del viale un altro piccolo capolavoro, il Burgtheater! Anche questo costruito alla fine del XIX secolo (aperto nel 1888) su progetto di Karl Von Hasenauer e Gottfried Semper. Se potete, assistete ad uno dei suoi spettacoli o informatevi sulle possibilità di visitarlo: la sala dell'Auditorium è affrescata dal Der Thespiskarren, opera di Klimt, e le grandi scalinate laterali valgono da soli il prezzo del biglietto.

Proseguiamo il giro entrando nel Burgring, il viale che delimita il quartiere dei musei: decine di musei che hanno le loro punte di diamante nel Museo di Storia dell'Arte (Kunsthistorisches Museum) con collezioni di arte egizia, greca e romana e quadri di Rembrandt, Tiziano, Arcimboldo, Tintoretto e Van Dyck, e il gemello, il Museo di Storia Naturale (Naturhistorisches Museum, inaugurato nel 1889), separato dal primo dalla Maria-Therasia-Platz dove troneggia la statua dell'imperatrice Maria Teresa (del 1888). Questa è anche una delle zone più indicate dove poter soggiornare in uno dei magnifici hotel di Vienna proposti da H.R.S..

Vienna museo storia naturale
Museo di Storia Naturale | foto di Pedro J Pacheco
Il Viale prosegue nell'Opernring, su cui si affaccia sul lato sinistro la Staatoper, l'Opera di Stato inaugurata nel 1869 con il Don Giovanni di Mozart. Una sosta è obbligatoria! Non tanto per visitarla all'interno (intendiamoci... io non ci sono stato ma dicono che sia molto bella, soprattutto la sala da tè e la scalinata in marmo) ma per fare un salto all'hotel Sacher che si trova proprio dietro! Non assaggiare una fetta della famosa Sachertorte sarebbe un sacrilegio. Anche se per me, come per altri, la torta Sacher più buona è forse quella della pasticceria Caffè Demel.


Vienna sachertorte hotel sacher
Sachertorte | foto di Trent Strohm su Flickr
Dopo questa dolce sosta, riprendiamo il giro sul Karntner Ring (su cui si affaccia l'Hotel Imperial, famoso per la sua elegante sala da tè e per essere stato il quartier generale di Hitler) e poi imbocchiamo il lungo viale che nella prima parte prende il nome di Schubertring, poi di Parkring e infine di Stubenring, l'ultimo tratto della Ringstrasse che termina nella Julius-Raab Platz. Da segnalare sono soprattutto il grande Stadtpark, inaugurato nel 1862 (al suo interno numerose statue di artisti e musicisti, come quella di Strauss e Schubert) e il Mak, il Museo Austriaco delle Arti Applicate, risalente al 1871.

L'ALTERNATIVA? VIENNA IN TRAM


Se 5,3 km vi sembrano troppi da fare a piedi c'è sempre la soluzione tram: il Vienna Ring Tram segue il percorso appena descritto con partenze ogni 30 minuti dalle 10 alle 18 circa di ogni giorno. A bordo dei vagoni gialli sono presenti degli schermi che forniscono informazioni e sono disponibili audioguide anche in lingua italiana. I biglietti sono acquistabili a bordo e costano 6 € per una corsa (durata 30') e 9 € per quello valido per 24 ore (ideale se volete scendere e salire più volte).


Vienna tram ring Ringstrasse
foto di Tjflex2 su Flickr
Un'alternativa più economica (biglietto singolo 1,80 €) è prendere la linea 1 e poi la linea 2 per l'ultimo spezzone dell'anello.
In ogni caso il mio consiglio spassionato è scendere quasi ad ogni fermata per visitare almeno alcuni dei monumenti descritti qui sopra e il vicino Hofburg.

(Foto in alto di eatmymoto su Flickr).


Testo di Mr Joshua e Alessandro.


Ti piace il blog? Seguilo su Facebook via Feed e su Twitter!

Posta un commento