giovedì 27 marzo 2014

In visita allo Yosemite Park: i panorami del Tioga Pass e Bodie, la città fantasma

Ilaria&Davide continuano la visita allo Yosemite National Park!
Yosemite National Park
Domenica 14 luglio 2013. Ci siamo addormentati con un cielo trapuntato di stelle, ci siamo svegliati circondati da decine di colibrì (non vi dico quante foto ho fatto!). Ultimo giorno a Yosemite Park, il trionfo della natura.
Rifacciamo il giro della Valley, ci sarebbero tantissimi sentieri da seguire tra cui quello per le Vernal Falls (una passeggiata di circa 2 ore) ma visto il poco tempo a disposizione decidiamo di andare a vedere le Yosemite Falls. Dopo una passeggiata di 800 metri ci fermiamo alla Lower, una cascata di 720 metri, l'ideale per rinfrescare una calda giornata d'estate.

Yosemite National Park
Yosemite National Park

Ci dirigiamo quindi al Tioga Pass ignari della bellezza che ci aspetta lungo questo fantastico tragitto. I panorami si susseguono lasciandoci a bocca aperta fino a raggiungere il bellissimo Tenaya Lake, un lago cristallino in mezzo ai monti che ricorda tanto le nostre Alpi. 

Yosemite National Park
Yosemite National Park
Yosemite National Park

Due ore di viaggio volano tra questi paesaggi e arriviamo così al Mono Lake, un lago salato che si trova vicino a Lee Vining, dove ci fermiamo a pranzare. Dopo aver girellato per il Visitor Center prendiamo una stradine che inizia poco più avanti e andiamo a vedere le rive di questo particolarissimo lago caratterizzato da formazioni di tufo che spuntano dal terreno e dalla superficie dell'acqua. Hanno tutto l'aspetto delle stalagmiti ma sono formate da depositi calcarei, ma al di là dell'aspetto quello che impressiona di più è l’odore che si respira, dovuto all’altra concentrazione di tufo, un fattore che rende l’acqua molto salata e impossibile la vita ai pesci. 

Yosemite National Park

Per quanto il paesaggio sembri lunare ci sono degli elementi che riportano sulla Terra, e non mi riferisco ai tantissimi uccelli che riposano sui tufi: insetti, a frotte, tra cui la mosca che dà il nome al lago. Nel complesso, una visita, anche se fugace, vale sicuramente la pena di farla!

mono lake yosemite park
Mono Lake
50 km più a nord ci attende la nostra prossima tappa, la città fantasma di Bodie. Le ultime 3 miglia per raggiungerla sono di sterrata e sembrano davvero infinite. Abbiamo un po’ paura per la nostra berlina ma arriviamo indenni in questa sperduta cittadina pittoresca e autentica proprio come descritto dalle guide. 

All’ingresso (7 dollari a testa) vi viene dato un depliant con la mappa della città e la descrizione delle case. 
Si ha davvero la sensazione di entrare in una polverosa città del Far West (già! Ma siamo nel Far West!) abbandonata in massa dopo la fine della caccia all’oro. Ogni casa ha la sua storia e sbirciando dentro gli edifici ci sono ancora tutti gli oggetti d’epoca per far capire com'era la vita allora. Sbirciamo all'interno della scuola, della chiesa e del saloon, poi ci muoviamo verso le case private, in legno e ben conservate, in alcune delle quali è anche possibile entrare, fino ad arrivare alla vecchia fabbrica. Durante il giro è possibile vedere anche i resti di vecchie auto che ormai sono state mezze risucchiate dal terreno. È stata una bella deviazione dal nostro percorso arrivare fin qui, ma anche di questa scelta sono molto soddisfatta perchè la Ghost Town è davvero molto suggestiva. 

In più di un'occasione ci siamo trovati completamente  soli in questo luogo sperduto con la compagnia di cani della prateria e serpentini nascosti... 

ghost town Bodie
ghost town Bodie
ghost town Bodie
ghost town Bodie
ghost town Bodie

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook via Feed e su Twitter!

Posta un commento