venerdì 30 gennaio 2015

Alla scoperta della Valle d'Itria: Locorotondo, uno dei borghi più belli d'Italia

Un borgo candido dove sventola una Bandiera Arancione.... Locorotondo, una delle gemme della Valle d'Itria.
locorotondo discoveringvalleditria valle itria puglia
Il mio primo risveglio in Valle d'Itria è meraviglioso e d'altra parte come potrebbe essere altrimenti dopo una notte passata in un trullo!? Una ricca colazione con deliziosi mini cornetti caldi, un caffè, un sole davvero poco autunnale e l'allegro gruppone di #discoveringvalleditria sono i compagni giusti per una giornata scoppiettante che inizia con la visita al paese di Locorotondo.

Appena il tempo di salire a bordo del pullman e guardare attraverso i finestrini sfilare uno dopo l'altro centinaia di ulivi (in Puglia ce ne sono circa 60 milioni! Tanti quanti gli italiani) che già ci apprestiamo a scendere. 13 km separano la Chiusa di Chietri da Locus Rotundus, uno dei borghi più belli d'Italia!
Siamo a metà strada tra l'Adriatico e lo Ionio, tra Bari e Brindisi distanti ciascuna un'ora di macchina. Il centro storico si trova a 400 metri di altitudine, adagiato su una collina come un ricciolo di panna che decora una torta... sì. Locorotondo è una meringa, tutta bianca e zuccherosa :)

locorotondo discoveringvalleditria valle itria puglia

Le sue strade si sviluppano in modo concentrico all'interno di circonferenza più o meno regolare che fino alla metà del XIX presentava le vecchie mura cittadine e le pareti delle case sono così candide da essere abbaglianti!

locorotondo discoveringvalleditria valle itria puglia

Il "luogo rotondo" aveva la conformazione attuale già nel XIII secolo e se non ve ne accorgete passeggiando tra i suoi vicoli romantici provate a guardare dall'alto del campanile della chiesa di San Giorgio Martire o date un'occhiata al video che si trova in fondo al post...  riguardo al bianco invece si narra che sia un lascito degli antichi Greci, i primi abitanti del territorio; ogni primavera le pareti esterne delle case venivano imbiancate con la calce perchè il bianco riflette i raggi solari e quindi come primo effetto diretto le abitazioni al loro interno risultavano (e risultano) più fresche.

locorotondo discoveringvalleditria valle itria puglia
locorotondo discoveringvalleditria valle itria puglia

Il bagliore che ti colpisce quando il sole abbraccia le case non è la sola caratteristica di Locorotondo. Ci sono i tetti aguzzi, cosiddetti a cummerse, che non ti aspetteresti di trovare in un paese del Sud Italia; ci sono le caratteristiche lastre sottili di pietra calcarea che ricoprono i tetti rendendoli impermeabili, le chiancarelle, utilizzate anche per la copertura dei trulli. Ci sono gli elementi barocchi che ti ricordano che sei in Puglia: terrazzini ornati in ferro battuto, archi affrescati, capitelli finemente scolpiti...

locorotondo discoveringvalleditria valle itria puglia
locorotondo discoveringvalleditria valle itria puglia

Infine, il panorama, unico, sulla Valle d'Itria.

locorotondo discoveringvalleditria valle itria puglia

Sì, Locorotondo, con la sua tranquillità e quella serenità che sanno donarti al primo incontro solo i posti in cui ti senti a casa tua, mi è piaciuta molto.
E adesso andiamo a visitare la sua cugina, Ostuni.

Ah! Dimentavo... in questo video girato da Angelo Ruggieri, in volo in deltaplano su Locorotondo, potete vedere quanto è bella la cittadina pugliese dall'alto e constatare che effettivamente è un Locus Rotundus



Testo e foto di Sara.



Ti piace il blog? Seguilo su Facebook via Feed e su Twitter!

Posta un commento