mercoledì 9 dicembre 2015

Oltre i luoghi comuni: cose (più o meno) insolite da fare a Riccione

Come ho già scritto qualche tempo fa, alla Riviera Romagnola sono legato dai ricordi incancellabili della mia giovinezza: tra Riccione, Igea Marina e Rimini ho trascorso le estati della mia adolescenza e a Riccione in particolare ho fatto la mitica vacanza dei 18 anni, quella con gli amici neopatentati, quella pazza e spensierata che non si scorda mai... ma a Riccione continuo a tornarci anche adesso che di anni ne ho qualcuno in più di quando ero appena maggiorenne.
L'ultima volta è stata lo scorso ottobre in occasione del TTG-TBDI (rispettivamente la più grande fiera del turismo d'Italia e il primo e più grande evento italiano dedicato ai travel blogger), in pieno autunno quindi, ed è stato come incontrare un vecchio amico. In quei giorni non mi sono lasciato sfuggire l'occasione di farmi una bella passeggiata mattutina sulla battigia, uno dei privilegi che invidio moltissimo a tutti coloro che abitano in un posto di mare.

cosa vedere Riccione

Ed è proprio perchè un po' posso dire di conoscerla e di averla vissuta, anche se solo come turista, che quando leggo i soliti luoghi comuni associati alla Riviera Romagnola mi infastidisco, lo confesso. Perchè non c'è dubbio alcuno che Riccione, ad esempio, possa essere considerata la regina delle discoteche e del divertimento in generale o che le immense spiagge del suo litorale siano effettivamente l'ambiente ideale di una vacanza per famiglie con bambini piccoli. Io per primo sono stato uno dei milioni di protagonisti di questi due scenari. Però è altrettanto vero che ci sono altri aspetti meno conosciuti che meriterebbero di essere approfonditi e di affiancare e integrare quelli che sono diventati un classico.

Lo spunto per affrontare questo argomento me lo ha fornito questa infografica sulle 10 cose da fare o vedere a Riccione (assolutamente), realizzata dallo staff di HotelRiccioneVacanze.it, che considero un buon mix tra evergreen e nuovi spunti. 

 10 cose fare vedere Riccione

Alcuni li condivido in toto, altri non sono nelle mie corde (uno su tutti? Lo shopping in viale Ceccarini... la mia compagna però non è dello stesso avviso e quindi mio malgrado non posso dire di non essere un assiduo frequentatore di una delle vie dello struscio più famose d'Italia!) e di seguito mi soffermerò su ciò che ritengo più inedito e interessante.

IL MARE IN BASSA STAGIONE, CHE (BELLA) SORPRESA!


Personalmente non mi attira per niente la prospettiva di abbrustolirmi in riva al mare, lo stesso non posso dire delle attività da spiaggia come giocare a racchettoni, beach volley, soccer e soprattutto bocce, però non è questo che mi preme sottolineare... prima di scriverlo vi faccio una domanda?
"Siete mai stati sulla Riviera Romagnola a maggio o giugno?"
Se non lo avete mai fatto non potete sapere quanto sia sorprendente e soddisfacente un bagno fuori stagione. Lontano dai mesi più frequentati e affollati il mar Adriatico delle costa tra Cesenatico, Rimini e Riccione può davvero regalarvi una sorpresa. Non siamo ai Caraibi, ok, ma l'acqua è pulita e non è nemmeno comparabile lontanamente a quella che trovate nel mese di agosto. 

cosa vedere Riccione
foto di Alessandro Grussu su Flickr
I prezzi degli hotel a Riccione, oggettivamente buoni in ogni periodo dell'anno, sono ancora più competitivi nella media e bassa stagione. Tra la metà di maggio e la metà di giugno una settimana al mare a Riccione è un'esperienza che non può essere definita solamente low cost.

LA CUCINA ROMAGNOLA? IL TOP


Al punto numero 2 dell'Infografica viene citata la piadina. Niente da eccepire! Sicuramente tra le più buone che abbia mai mangiato ci sono le piade e i crescioni (cosa sono? Una specie di calzone! I rotoli invece sono piadine arrotolate) che non potete non provare in abbinamento a prosciutto crudo e il formaggio tipico romagnolo squacquerone (così chiamato per la poca consistenza) o con salsiccia e spinaci! Da assaggiare assolutamente anche la piadizza, una pizza sulla base di una piadina, o se preferite una piadina dall'aspetto di una pizza, con mozzarella e pomodoro che vengono cotti in forno.

cosa vedere Riccione

Oltre alla piadina? C'è un mondo culinario tutto da gustare, a partire dai primi piatti: i cappelletti, i passatelli, gli strozzapreti... la pasta in brodo, soprattutto, è uno dei vanti della gastronomia locale. Un altro esempio è la zuppa imperiale a base di semolino, parmigiano grattugiato, uova e talvolta anche di mortadella, tutto mescolato, cotto in forno e servito in brodo di cappone.

NON SOLO DISCOTECHE: OLTREMARE E ACQUAFAN


Il ricordo dei collegamenti TV di DJ Television dal parco dell'Acquafan sono un chiaro sintomo che purtroppo di acqua sugli scivoli del grande parco acquatico di Riccione ne è passata tanta dalla prima volta in cui ci sono andato... Uno dei pregi di questo lembo di terra è stato sempre di non adagiarsi mai sugli allori, di aver sempre guardato avanti con la voglia di migliorarsi e di rinnovarsi: tutto questo per dire che se andate adesso all'Acquafan lo troverete molto diverso rispetto a 5 anni fa. Ogni anno vengono inserite delle novità e oggi all'interno dei 90.000 mq di superficie troverete ben 3 km di scivoli suddivisi tra il Twist e il Kamikaze, tra il River Run e altri divertimenti. 

cosa vedere Riccione
foto tratta dalla galleria del sito di Oltremare
Sulle colline di Riccione c'è anche un altro parco dove trascorrere una giornata in allegria: sto parlando dell'Oltremare, il parco tematico naturalistico che ha aperto i battenti nel 2004. Tra le sue principali attrazioni c'è Imax, il cinema in 3D con il più grande schermo d'Europa, 600 metri quadrati, e gli 11 delfini della Laguna che si esibiscono due volte al giorno per un pubblico che vi assicuro non è composto solo da bambini. L'area marina è la più vasta e importante e al suo interno potete visitare i cavallucci marini della mostra vivente Hippocampus e una mostra dedicata ai Giganti in Adriatico" (balene, squali, delfini...).

UN PO' DI RELAX E... UN PO' DI STORIA


Chi lo ha detto che per riposarsi dalla frenetica vita notturna o da una dinamica giornata trascorsa all'Acquafan ci sia solo l'opzione "lettino sulla spiaggia"? Grazie a quattro differenti tipi di fonti termali (che sgorgano acque sulfuree-salso-bromo-iodiche-magnesiache dalle proprietà benefiche) potete rilassarvi, coccolarvi e rigenerarvi allo stabilimento Riccione Terme. Insieme alle piscine e alle terapie termali trovate il Perle d’Acqua Park, l'area benessere Oasi Spa e idromassaggi all'aperto.


cosa vedere Riccione
Villa Mussolini
Un'alternativa per chi ama l'architettura è fare un tour delle dimore di prestigio di Riccione. Dalla bellissima villa Antolini del 1923, la "villa degli americani", fulgido esempio di stile Liberty di inizio Novecento, a Villa Emilia, anch'essa risalente ai primissimi anni del secolo scorso, dal Le Grand Hotel sul viale Milano alla Villa Mussolini, edificata nel 1890 col nome di villa Margherita, poi entrata in possesso di Donna Rachele.

Infine un'ultima sorpresa: lo sapevate che a Riccione esiste un bellissimo castello del XIV secolo? Il Castello degli Agolanti (famiglia fiorentina che si trasferì qui un secolo prima), in via Caprera, venne semi distrutto da un terremoto nel 1768 poi successivamente demolito e destinato a casa colonica finchè il comune non ne entrò in possesso negli anni '80 e lo restaurò affidandone la gestione al Museo del Territorio che lo ha trasformato in sede di mostre temporanee.

cosa vedere Riccione
il Castello degli Agolanti

POST SCRIPTUM


Proprio in questi giorni ha riaperto la discoteca Cocoricò. Questo post è stato scritto proprio per far conoscere a chi non lo sapesse che a Riccione e dintorni non ci sono solo discoteche al coperto come quella o all'aperto sulla spiaggia come il Marano. "Oltre le gambe c'è di più" cantavano Jo Squillo e Sabrina Salerno, salvo poi mostrarsi in pubblico in succinti decolletè... Ecco, forse Riccione è come una bella donna sulla quale lo sguardo si sposta per ovvi motivi sempre sui soliti punti, ma che possiede anche lati che possono rivelarsi sorprendenti, basta avere la volontà di non soffermarsi in superficie.

(Foto in alto di *Seth su Flickr)

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook via Feed e su Twitter!

Posta un commento