martedì 17 marzo 2009

Presto ci saranno le guardie armate sugli aerei

In questi giorni sarà approvato dalla Commissione Giustizia Affari Internazionali il trattato di Prum secondo il quale sugli aerei dovranno esserci delle guardie armate antiterrorismo (l'accordo, siglato nella città tedesca da Austria, Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo, Spagna e Paesi Bassi il 27 maggio 2005, ha come scopo "L’approfondimento della cooperazione transfrontaliera per contrastare il terrorismo, la criminalità transfrontaliera e la migrazione illegale").
Non più e non solo nel caso in cui si debbano fare dei rimpatri forzati di clandestini o stranieri incriminati ma SEMPRE, su ogni volo, con compiti di antidirottamento e antiterrorismo.
Gli agenti non avranno l'obbligo di vestire in divisa ma saranno armati, anche se du questo punto non c'è ancora chiarezza. L'Italia quindi segue altri Paesi europei (la prima fu la Svizzera) per quanto riguarda le norme antiterrorismo adottate dopo l'11 settembre 2001.
Posta un commento