sabato 3 aprile 2010

La Pasqua greco-bizantina di Piana degli Albanesi

La prossima Pasqua greco-bizantina verrà festeggiata 
dal 5 al 12 aprile 2015.
C'è una zona in Sicilia, nel palermitano, dove da secoli le comunità albanesi arrivate nel 1500 come profughe per l'invasione turca della loro madre patria rinnovano il rito greco-bizantino nei festeggiamenti dell'Epifania, della Settimana Santa e della Pasqua. In queste occasioni le donne vestono i loro caratteristici costumi ricamati e le liturgie vengono celebrate in lingua albanese. Originariamente la cittadina sorta sulle pendici del monte Pizzuta prese il nome di Hora, poi si trasferì poco più sotto, in pianura, e nei secoli mutò il nome in Piana degli Albanesi.

Il giorno in cui i cattolici festeggiano la Pasqua, i comuni di Contessa Entellina, Mezzojuso, Santa Cristina Gela e Palazzo Adriano festeggiano la Pasqua Bizantina nella chiesa cattolica cristiana di Piana degli Albanesi e nel periodo della Settimana Santa (in lingua albanese Java e Madhe) un ricco programma anima la Pasqua della provincia palermitana.

Già il venerdì precedente la Domenica delle Palme (Rromolldhet) viene celebrata la resurrezione di Lazzaro con la Messa dei presantificati (il Projasmena) e il canto di Lazzaro (il Lazeri ), poi si susseguono altre manifestazioni tra cui la lavanda dei piedi del giovedi santo effettuata dal sacerdote che personifica San Pietro fino al Pontificale di Pasqua (il Pashket) e il canto della resurrezione del Cristo risorto (Kristòs anèsti).

A conclusione dei riti pasquali uno scenografico corteo di donne in costume tradizionali raggiunge la cattedrale di San Demetrio, dove vengono benedette e distribuite le uova rosse simbolo della nascita e della rinascita.

(la settimana successiva a Piana degli Albanesi si svolge una nota rassegna gastromica i cui protagonisti sono gli squisiti cannoli siciliani! Se vi site incuriositi, leggete: "La festa dei cannoli siciliani di Piana degli Albanesi")

(foto tratta dal sito Sicilyweb)

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento