sabato 14 agosto 2010

Sulla strada Romantica: una sosta nell'incantevole Landsberg

Landsberg Romantische Strasse
La Romantische Strasse tocca alcune località che meritano ben più di una fuggevole visita! Sul vecchio tracciato della romana via Claudia, partendo da Wurzburg, in Franconia, attraversa Nordlingen, Donauworth, Ausburg, Landsberg e prosegue verso sud fino a Fussen, una meta presa d'assalto per la vicinanza di due tra i più bei castelli della Baviera: lo Schloss Hohenschwangau e lo Schloss Neuschwainstein, tra le residenze dell'imperatore Ludwig II sicuramente la più famosa, che si dice abbia ispirato Walt Disney nella creazione del castello della Bella Addormentata.

All'interno di mura medievali, Landsberg am Lech (Lech è il fiume sulle cui rive sorge la città) è nota in Germania per essere stata luogo di prigionia di Adolf Hitler dopo il suo fallito golpe e soprattutto per i suoi edifici decorati con stucchi e colori pastello.

Landsberg Romantische Strasse

Le stradine strette, le casette del XVII secolo, la piazza del mercato e le belle chiesette le conferiscono un'atmosfera fuori dal tempo!
Tra le cose da vedere vi consiglio assolutamente il Rathaus (il municipio, in Hauptplatz, le cui sale al secondo piano sono visitabili dal pubblico), l'incantevole Mutterturm, un edificio del 1884 alto 30 metri voluto dal pittore Hubert von Herkomer (oggi museo che ospita le opere dell'artista), la Klosterkirche in Peter Dorfler Strasse in stile rococò (realizzata nel 1766 da Dominikus Zimmermann, autore anche degli stucchi decorativi del Rathaus), le chiese Maria Mimmelfahrt, Kreuzkirche e Johanniskirche e soprattutto le mura di cinta ed in particolare il Bayertor, eretta nel 1425, una delle più belle porte d'accesso alla città di tutta la Baviera con una torre merlata alta 36 metri!

Landsberg Romantische Strasse

Non siete d'accordo con me che Landsberg meriti una sosta?

Leggi anche "La Romantische Strasse festeggia 60 anni"

(Foto di Polymar49 su Flickr)

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento