giovedì 5 agosto 2010

Trekking in agosto al fresco dell'Abetone

Uno dei posti che adoro maggiormente in Toscana in agosto è l'Abetone. Le mirtillaie sono piene dei loro dolci frutti e le temperature fresche invitano a salire a quota 1388 metri sul livello del mare, lasciar l'auto e imboccare il sentiero 00 che nel primo tratto altro non è che il tracciato della pista da sci di fondo che parte a fianco dell'hotel ristorante "Regina". Dopo una mezzora attraverso la faggeta si trova il primo crocevia da cui si dipanano diversi percorsi da trekking segnalati dal Cai.

Uno molto breve porta in poco meno di quaranta minuti alla Verginetta, un ampio pratone dal quale si ammirano le vette circostanti su cui ci si può distendere per fare un picnic o un riposino. Ai margini del bosco si trova il rifugio "la casetta di Lapo" con la possibilità - se resistete a non assaggiare la polenta con i porcini o altre specialità del giorno - di cuocere la carne alla griglia.
Da lì partono altri sentieri che conducono al Libro Aperto (in un paio d'ore), all'Alpe Tre Potenze o verso valle.
Se preferite addentrarvi nel territorio della montagna pistoiese con una escursionista esperto che vi illustri le varie specie della fauna e della flora che popolano l'ambiente allora potete approfittare delle visite guidate organizzate dalle guide locali.


Se invece volete prendere una boccata d'aria fresca in alta quota, c'è l'ovovia, attiva fino alla fine di agosto, che dalle 9:30 alle 17:30 (8 € A/R, cioè salita e discesa...) porta ai rifugi Zeno Colò e Monte Gomito.

i mirtilli dell'Abetone
Non sono i soli aperti per tutto il mese di agosto: ci sono anche la Selletta, Rocce e Terrazze, mentre le seggiovie Selletta e Passo di Annibale (6 € A/R) sono aperte tutti i giorni dalle 9 alle 18 (la Selletta fino alle 19 nei fine settimana).

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento