martedì 27 settembre 2011

Il mare in autunno: Amorgos, perla greca delle Cicladi

Autunno. Lentamente ma incessantemente le giornate si stanno accorciando e le temperature rendono il ricordo dell'estate sempre più pallido. Per chi ha ancora desiderio di mare e può concedersi una vacanza a settembre, ottobre o novembre, le Cicladi rappresentano un'ottima meta a poche ore di volo dall'Italia.
Amorgos Cicladi Grecia
Questo arcipelago della Grecia che si trova nella parte del mar Egeo a sud-est di Atene il cui nome deriva dalla disposizione in cerchio intorno a Delo, rispecchia un po' lo stereotipo che si ha delle isole greche: territorio roccioso, vento perenne e soprattutto acque di un blu intenso che contrastano con il bianco delle case.
Tra queste, Amorgòs è forse una delle meno note agli italiani ma anche una delle più belle.

Non a caso ho scritto "una delle meno note agli italiani".... l'isola, la più orientale delle Cicladi, è molto frequentata dai francesi grazie ad un film di Luc Besson, Le grand bleu (con Jean Reno, Jean-Marc Barr, Rosanna Arquette e Sergio Castellitto), girato proprio ad Amorgos, che parla della rivalità tra due campioni di immersione subacquea, Jacques Mayol ed Enzo Molinari (verosimilmente Enzo Maiorca).

COSA OFFRE L'ISOLA?


Tranquillità (specialmente fuori stagione), un mare cristallino e degli scenari mozzafiato!
L'isola si dispone quasi di traverso rispetto alla cartina e presenta una costa più frastagliata e piena di insenature sabbiose (il versante nord-occidentale) e una più impervia e scoscesa (quella sud-orientale) che ospita un suggestivo monastero bianco incastonato nella parete rocciosa, il Moni Hozoviotissis.

Amorgos Cicladi Grecia
foto di DarkB$Down su Flickr
L'edificio, costruito nell'XI secolo, custodisce un'icona miracolosa rinvenuta sotto la scogliera alla quale è abbarbicato, ed è abitato da alcuni monaci che talvolta consentono delle visite guidate (e gratuite) alla fine delle quali non mancano mai dei piccoli assaggi, come da tradizione ortodossa.

Tre sono i centri principali dell'isola: Katapola, il porto principale che sorge all'interno di una bellissima baia sopra la quale si trovano i resti dell'antica città cretese di Minoa e di un cimitero miceneo, Egiali, l'altro porto dell'isola, e sull'altro versante Hora (o Chora), un villaggio posto a 400 metri sopra il livello del mare appena sotto un kastro del 1200.

Amorgos Cicladi Grecia
foto di nicktoumpelis su Flickr

LE SPIAGGE DI AMORGOS


Chi giunge ad Amorgos non può trascurare le spiagge!
Ce ne sono un pò per tutti i gusti... intorno a Katapola si trova Maltezi, una spiaggia di sabbia fine e acqua trasparente raggiungibile con il caicco o con il beach taxi oppure con un sentiero di circa 40'.
Sempre sulla costa nord-occidentale, nei pressi di Egiali, ci sono Ornos, è una grande baia con spiaggia bianca e mare azzurro, Levrossos e Aghios Pavlos mentre sull'altro lato tra le più belle c'è Aghia Anna e la pittoresca Kalotiratissa.
Per una guida completa vi consiglio di consultare il sito www.amorgos-tourism.com/it/spiagge.

Amorgos Cicladi
Foto tratta dall'album di leviteo su Flickr

COME SI ARRIVA SULL'ISOLA?


Non essendoci un aeroporto l'unico mezzo è il traghetto... dal porto di Atene (il Pireo) partono grandi traghetti che portano alle principali isole delle Cicladi: il viaggio é lungo (i 250 km vengono coperti  in 9 ore ma i traghetti veloci ci impiegano circa metà tempo) ma se affrontato di notte ha il vantaggio di giungere ad Amorgos al mattino con gli abitanti che offrono stanze e piccole sistemazioni in cerca di clienti.
Altre isole collegate sono Iraklia (42 km), Naxos (77 km), Syros (92 km) e Mikonos (96 km) ma anche Santorini può essere una buona scelta specialmente se si decide di visitare prima quest'altra spettacolare isola.
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e adesso anche su Twitter!

Posta un commento