martedì 13 dicembre 2011

La festa di Santa Lucia nel mondo: da Siracusa a Stoccolma passando da Verona

Santa Lucia
La notte più lunga che ci sia... S. Lucia! Dicono che sia la santa più amata dai bambini, ed il motivo è facilmente intuibile: nella tradizione cristiana è lei che porta i regali ai fanciulli.
Al di là di questo suo ruolo alla Babbo Natale (*) santa Lucia è venerata anche per altri motivi in molte zone d'Italia e del nord Europa e le feste in suo onore sono tantissime.
La più famosa è probabilmente la festa che si tiene dal 13 al 20 dicembre a Siracusa, la città dove nacque e visse Lucia prima di essere martirizzata, ma la sua devozione è molto forte anche in Veneto, in Lombardia e... in Svezia! Quale filo sottile unisce la Sicilia alla Scandinavia?

Per capirlo occorre fare una premessa dove citerò solo i fatti più importanti per non annoiarvi troppo :-) Lucia era di ricca famiglia e molto bella. La morte prematura del padre aveva spinto la madre a dedicare la propria vita a Gesù ed anche la figlia si era avvicinata in giovanissima età al Cristianesimo in un periodo in cui i fedeli erano perseguitati dall'impero romano. Un pagano la chiese in sposa, ma lei non acconsentì e donò tutti i suoi averi ai poveri. Un gesto che il giovane non sopportò... Lucia venne denunciata e barbaramente uccisa. Prima della morte le vennero anche strappati gli occhi e per questo motivo la martire divenne la protettrice della vista (tra i suoi più famosi devoti ci fu anche Dante Alighieri che le diede un ruolo di assoluto rilievo nella Divina Commedia).

devozione Santa Lucia
foto di ita145117 su Flickr
Lucia (dal latino Lux), luminosa, splendente. I popoli del nord Europa venerano la santa perchè si narra che il martirio avvenne nella notte del 13 dicembre, che nel vecchio calendario giuliano sanciva l'inizio del prevalere della luce sul buio, ossia il solstizio d'inverno. La notte di Santa Lucia era effettivamente la più lunga e veniva festeggiata nei Paesi nordici con enormi falò e processioni accompagnate con candele e fiaccole.

Ancora oggi in Svezia, Norvegia ma anche in Islanda, Scozia e Germania si celebra lo Yule, un rituale dedicato alla luce che consiste in un corteo dove le ragazze rappresentano Lucia e sfilano vestite di bianco, portando una corona di candele e cantando inni natalizi o celebrativi della vittoria sull'oscurità.

Sul culto della santa in nord Italia ci sono invece varie ipotesi che rimandano alla traslazione del corpo della martire in Germania. Sembra che durante il viaggio le spoglie sostarono a Verona. Secondo altri si fermarono a Venezia. Comunque sia queste due città sono tra le più devote grazie anche ad alcuni miracoli che avvennero nel Medioevo.

Nella notte tra il 12 ed il 13 dicembre si festeggia S.Lucia - con l'usanza dei doni ai bambini - ad Alessandria, Bergamo, Brescia, Crema, Cremona, Lodi, Mantova, Milano, Parma, Piacenza e Reggio Emilia (ed in tanti altri paesi delle province).

dolci Santa Lucia
foto di Giuseppe Romano su Flickr
A Verona dal 10 al 13 dicembre si svolge il mercatino di Santa Lucia in piazza Bra e nelle vie limitrofe.
A Marino, sui Castelli romani, viene festeggiata insieme a San Barnaba, in Sicilia invece i festeggiamenti proseguono oltre la data del 13 dicembre con spettacoli, mostre, convegni, rassegne cinematografiche ed altro in un connubio tra fede e arte. E buona cucina!
Oltre a Siracusa (qui trovate un vecchio post che parla della festa in onore della patrona) anche in altre città tra cui Enna e Catania.

(*) Lucia visse agli inizi del IV secolo e il suo culto iniziò quasi immediatamente dopo la sua morte, nel 304, quindi è più corretto parlare di san Nicola-Santa Claus che ricalca le orme della santa e non il contrario.

(Foto in alto di Alan Denney su Flickr)

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento