sabato 18 febbraio 2012

Una passeggiata per St Stephen Green, l'angolo più colorato di Dublino

  teatro Stephen Green
Il quartiere di St Stephen Green è spesso per i turisti un luogo di passaggio. Il parco che si estende per circa 9.000 mq, circondato da un inferriata che ne impediva il libero accesso al pubblico fino al 1877, quando Arthur Guinnness (sì, proprio lui, l'inventore della famosa birra scura) ottenne l'abolizione della tassa d'ingresso in vigore dal 1814. 
Il parco di St Stephen Street è uno dei polmoni verdi della città e il posto ideale dove fare una passeggiata e assistere in estate alle rappresentazioni talvolta estemporanee che i ragazzi della scuola di teatro mettono in scena raccogliendo immediatamente l'attenzione dei passanti.
In altre parole si potrebbe dire che se Temple Bar è la zona più frequentata di sera e Grafton Street la via più trafficata di giorno dagli amanti dello shopping, St Stephen Green è il quartiere della cultura e del relax.


St Stephen Green

Come detto, il suo cuore è il parco, alla cui attuale conformazione contribuì lo stesso Arthur Guinness finanziando il progetto e la realizzazione dei giardini, delle aiuole, delle fontane e del laghetto, e Lord Ardilaun, membro della famiglia Guinness, che donò parte di un terreno di sua proprietà al parco nel 1880. Prima della recinzione del 1814, il terreno era teatro delle impiccagioni pubbliche... a distanza di 200 anni per fortuna la gente si riunisce qui per altri motivi: sdraiarsi sui prati, leggere, camminare o ascoltare di sera i concerti gratuiti delle band che si esibiscono sul palco dove dal 1887 fece i suoi discorsi anche il leader nazionalista rivoluzionario Wolfe Tone, alla cui memoria lo scultore Edward Delaney ha eretto una statua in bronzo all'angolo con Merrion's Row, ribattezzata Tonehenge.

St Stephen Green Dublino

Quest'ultima non è l'unica scultura presente nel parco, anzi, potete scoprire quali e quanti sono i grandi personaggi della storia che hanno vissuto o hanno legato il proprio nome al quartiere, dai busti e dalle insegne che incontrate cammin facendo! Ad esempio all'angolo opposto rispetto all'Arco (il memoriale ai morti irlandesi nella guerra contro i Boeri in Africa del 1901) che si trova all'ingresso North-West all'incrocio con Grafton Street, ci sono Sir Arthur Guinness e Wolf Tone, al centro Constance Markiewicz, altra eroina rivoluzionaria, e in altre zone lo scrittore James Joice ed il poeta William Yeats.

St Stephen Green

Al di fuori del parco potete andare alla ricerca della casa dove visse Bram Stoker (l'autore di Dracula) al n°30 di Kildare Street , o scovare quale tra le case vittoriane di St Stephen's Green South sia la la Newman House, che oltre a dare i natali al poeta Gerard Hopkins, divenne la sede della Catholic University of Ireland (un indizio, non è distante dall'ottocentesco Shelbourne hotel).
Oppure semplicemente passeggiare intorno alla recinzione esterna del parco, dando una sbirciata ai quadri esposti dagli artisti sul marciapiede o guardando gli edifici vittoriani coperti di edera.

Qui trovate altri post sull'Irlanda.

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento