venerdì 4 maggio 2012

Guida pratica dell'Islanda (2^ parte): cosa vedere e fare a Reykjavik!

Continua il racconto di Liliana Monticone sull'Islanda... 
dopo la scelta dell'aereo e dell'auto ecco altri consigli pratici
Islanda

LA PRIMA NOTTE


Atterraggio all’aeroporto. Abbiamo dormito in un bellissimo bungalow dell’Alex. Una struttura pulita e accogliente, tutta in legno. Il suo punto di forza è il fatto di essere vicinissimo all’aeroporto senza spendere grosse cifre. E questo permette, trascorrendo lì anche l’ultima notte prima del rientro (noi l’abbiamo prenotata lì all’arrivo, dopo averlo testato la prima notte), di evitare levatacce esagerate all’alba per recarsi in aeroporto. Volendo è anche possibile restituire un giorno prima l’auto in aeroporto e lasciare le valigie più pesanti al deposito bagagli. L’aeroporto è facilmente raggiungibile anche a piedi.

L’Alex è dotato di una vasca idromassaggio riscaldata, ma nel periodo in cui siamo stati noi – pieno inverno – non era utilizzabile, anche perché la struttura era completamente deserta. L’Alex dispone anche, per i più esigenti, di una guesthouse con più servizi e di un campeggio  per la stagione estiva che noi chiaramente non abbiamo provato. Dovessimo tornare opteremmo comunque nuovamente per lo splendido bungalow. Una nota, al momento di selezionare la tariffa, il sito è anche disponibile in italiano!

Reykjavik
foto di Stuck in Customs

REYKJAVIK


Le sistemazioni in città sono veramente tante, per tutte le stagioni e per tutti i gusti. Scegliete quella a voi più consona. Noi quella notte ci eravamo trattati bene scegliendo un hotel con piscina, per scoprire subito dopo di aver buttato via i soldi! Le piscine in Islanda sono un vero e proprio centro di incontro, un po’ come le vie principali nelle nostre città. I ragazzi, giovani e adulti le frequentano per fare sport, incontrarsi e conoscersi. Può sembrare strano, la prima volta, fare come loro: recarsi nella piscina pubblica con asciugamano in mano e ciabatte nei piedi (con ancora i calzettoni). Non serve altro per rilassarvi nelle vasche alle diverse temperature e conoscere un po’ i locali, ma questo accade soprattutto nei piccoli centri dove i turisti che frequentano queste piscine sono pochi. E’ comunque un’esperienza da provare per avvicinarsi, con pochi euro (hanno veramente prezzi irrisori sfruttando il riscaldamento geotermico) alla gente del luogo.

 Islanda

UFFICIO TURISTICO DI REYKJAVIK


L'Ufficio turistico di Reykjavik è’ fornitissimo. Vi perderete nella miriade di proposte e depliant e potrete trovare qualsiasi escursione, informazione, assistenza,… sono veramente molto organizzati. L’unico piccolo difetto che abbiamo riscontrato è stato nell’elenco delle sistemazioni aperte tutto l’anno in giro per l’Islanda che abbiamo richiesto. Su questo non era perfettamente allineato e, soprattutto la prima volta, siamo stati colti alla sprovvista e la cosa ci ha dato qualche problema.

 Islanda

VOLCANO SHOW


A Reykjavik. Un filmato che raccoglie la storia delle eruzioni vulcaniche islandesi girate direttamente dal proprietario e da suo padre. Il filmato regala delle splendide immagini che valgono davvero la visione e che a mio parere non è abbastanza valorizzato. Sono riuscita a trovare solo questo link sul web.

PERLAN


Sempre a Reykjavik,  in posizione rialzata e panoramica, si trova il Perlan. Merita una visita. All’interno non perdete il museo. Piccolo ma che regala un’esperienza molto intensa. Le statue in cera a grandezza naturale mostrano scene di vita e della storia islandese, alcune in maniera realisticamente straziante.

Islanda

RISTORANTI


Sono molto costosi. Noi ne abbiamo provato uno, danno la possibilità di assaggiare carne di balena, squalo, pulcinella di mare, anche foca se non ricordo male, ma per il resto della vacanza ci fornivamo nei piccoli supermercati solitamente abbinati ai distributori di carburante. Ci siamo fatti, a prezzi abbordabili, delle scorpacciate esagerate di pesce affumicato. Provate quello “non di allevamento”. Vi accorgerete subito della differenza!


Posta un commento