lunedì 10 settembre 2012

Cosa fare all'isola d'Elba quando piove?

borgo Elba Marciana
E' innegabile che l'isola d'Elba sia famosa soprattutto per il mare cristallino e le splendide calette - circa un centinaio - in grado di soddisfare un po' tutti i palati, sia coloro che amano lo scoglio sia quelli che preferiscono la sabbia (nera o bianca che sia), la ghiaia o i ciottoli più grossi.
Essere all'isola d'Elba e non poter fare il bagno in una delle sue insenature è come recarsi nella tua pasticceria preferita e trovare il cartello "chiuso per ferie"... (Chi non è goloso come il sottoscritto pensi al detto "andare a Roma e non vedere il Papa") ed è quello che è successo a noi per metà del nostro soggiorno elbano a Naregno. La domanda come direbbe qualcuno, sorge spontanea: cosa fare nel caso in cui il tempo non sia bello o addirittura piova?

Le alternative non mancano e come nel caso della tipologia delle spiagge, sono di vario genere. Ecco qualche spunto:

VISITARE I BORGHI

I comuni elbani, così come altri piccoli paesi più defilati, sono meritevoli di trascorrerci almeno una mezza giornata. Non solo per il piacere di perdersi nelle loro strette viuzze (è il caso di Marciana, di Capoliveri e di Portoferraio ad esempio) ma anche per visitare i musei o qualche altra attrazione. Andando nello specifico:
  • a Capoliveri potreste seguire a piedi il sentiero che da Forte Focardo scende fino alla spiaggia di Naregno attraversando la pineta. Da non perdere il panorama che si gode dalla piazza del Cavatore, soprattutto di sera, quando il borgo dà il meglio di sè
  • a Portoferraio da non perdere è la passeggiata dal porto al centro storico dove si trova la Pinacoteca Comunale Foresiana, la chiesa romanica di S.Stefano e quella della Reverenda Misericordia. Tra le cose da visitare anche il Museo Civico Archeologico posto all'interno della fortezza medicea della Linguella e la Villa dei Mulini, la residenza ufficiale di Napoleone Bonaparte e della sua corte nel breve esilio all'Elba (ma il capitolo "Napoleone" merita un capitolo a parte... ci tornerò tra poco)
Portoferraio isola Elba

  • a Marina di Campo c'è un piccolo acquario che dicono sia adatto per i bambini; per i più grandi ci sono
  • a Marciana ci sono il Museo Archeologico, la chiesa di Santa Caterina e la Fortezza pisana (dei quali ho già parlato qui), la cappella di San Liborio e la Pieve di San Lorenzo;
  • a Porto Azzurro, un piccolo paese ai piedi del Santuario spagnolo di Monserrato, è piacevole fare una passeggiata nel piccolo centro storico, tra negozi, gelaterie e ristorantini

Porto Azzurro isola Elba

Assolutamente meritevoli di una visita sono:
  • il caratteristico paese medievale di Poggio, a tre km da Marciana
  • Rio Marina (carino anche se piccolino il suo porto adagiato in una baia stretta da due lingue di roccia
  • il lungo mare di Marciana Marina
escursioni trekking isola Elba

FARE UNA PASSEGGIATA/TREKKING

C'è veramente l'imbarazzo della scelta! Molti anni fa mi imbattei per caso in un itinerario panoramico che sfociava nella spiaggia della Biodola. L'incertezza su dove conduce il sentiero (ma ci sono anche le mappe dell'isola in vendita in tutte le edicole...) ed allo stesso tempo la certezza che ci sarà uno bellissimo scorcio di mare, un bosco di castagni o di pini da scoprire è una delle cose più affascinanti che personalmente ho preferito dell'isola d'Elba. Oltre a quelli già suggeriti in precedenza, alcuni bei percorsi sono:
  • l'antica via lastricata che da Marciana porta al Santuario della Madonna del Monte (leggi qui)
  • l'ascesa del Monte Capanne (1019 metri): ci sono 6 percorsi che conducono in cima alla vetta più alta dell'isola d'Elba. Per i meno allenati c'è la cabinovia che parte in località Pozzatello;
  • il giro della costa ovest, da compiere in auto, con le dovute soste nei punti panoramici per godersi il paesaggio e fare fotografie
RIPERCORRERE LE ORME DI NAPOLEONE

Napoleone Marciana isola Elba
Nonostante sia rimasto solo di pochi mesi, Napoleone si innamorò subito dell'Elba e gli elbani subito di lui. Le tracce del suo passaggio si trovano al Santuario della Madonna dell'Elba sopra citato e:
  • a Villa San Martino (a 5 km da Portoferraio), dove soggiornò l'ex imperatore. Da vedere la Sala Egizia e la Sala delle Colombe
  • alla Villa dei Mulini tra Forte Falcone e Forte Stella a Portoferraio
  • al piccolo museo dei cimeli napoleonici di Portoferraio dove ci sono i calchi della sua mano e del volto
  • alla Fonte di Napoleone, lungo i sentieri verso il monte Capanne
  • di fronte al Faro di Punta Polveraia, dove si trova uno scoglio battezzato la "Sedia di Napoleone" dove si narra che il condottiero trascorresse molto tempo a pensare

SCOPRIRE LE MINIERE DELL'ISOLA

Il turismo all'Elba è arrivato solo negli ultimi 30 anni. Prima l'economia elbana ruotava intorno alle miniere di ferro che si trovano sulla punta meridionale dell'isola, nel comune di Capoliveri. Dal centro del paese, percorrendo una strada panoramica sterrata di 6 km, si giunge al piazzale della vecchia officina, da cui con un pulman si raggiunge in altri 15 minuti la miniera di Calamita.
Una bella escursione di cui vi parlerò al più presto!
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento