venerdì 19 ottobre 2012

A Pomaria tra mele e meleti! Sapori trentini in Val di Non

Pomaria ritorna per il 10° anno, sempre il secondo weekend di ottobre! Prossima edizione 11-12 ottobre 2014!

Pomaria raccolto mele frutteto Casez
Il nostro ricordo di Pomaria sarà per sempre legato al profumo delle mele che domenica sera ci ha accompagnato nel viaggio in auto, di ritorno dalla Val di Non. Una sensazione di freschezza e bontà che ho riprovato il giorno dopo quando in pausa pranzo ho addentato una delle Fuji raccolte in un frutteto di Casez.
Il Trentino è così. Ti avvolge con i suoi odori, ti conquista con i suoi sapori. E quando lo saluti, ti segue fino a casa. Non ti abbandona, non ti lascia scampo. E tu vorresti subito tornare lassù, dove la gente è accogliente e il ritmo della vita sembra talmente distante dal tuo che ti verrebbe voglia di mollare tutto e trasferirti in una di quelle casette, belline, perfette, ordinate, in mezzo alle montagne.

Il blog tour #pomariavaldinon ci ha regalato il piacere di incontrare vecchie e nuove facce, vecchi e nuovi posti. Ed anche stavolta ci siamo separati sapendo che è stato solo un arrivederci. Abbiamo visto e fatto cose che voi umani... potete fare e vedere! :-) Da dove cominciamo?

POMARIA: MELE MELE MELE!

antichi mestieri Pomaria
Pomaria, per quei pochi che non lo sanno, è ufficialmente la festa del raccolto delle mele che si tiene ogni anno nella Val di Non. Ma per coloro che provengono da fuori la vallata è l'accesso ad un pianeta che ruota intorno a questo frutto delizioso. Un luogo in cui viene filata l'ortica per la produzione di tessuti e si lavora il feltro; dove il sapone viene fabbricato come una volta davanti ai vostri occhi e gli intagliatori usano seghe elettriche per modellare il legno come fossero pittori davanti a una tela...

Le strade e le piazze di Casez, il paese scelto come "quartier generale" per l'edizione 2012, sono invase da bancarelle che vendono speck, farina di mais, succo di mela, formaggi locali e, naturalmente, dolci. Strudel, kraphen, Kaiserschmorn (o all'italiana, omelette dell'Imperatore! Deliziose), girelle di mele fritte, confetture di mele cotogne. Insomma, un paradiso per i golosi!

 Pomaria Val di Non Trentino
Pomaria Val di Non Trentino

Non mancano le mostre: nel 1° stand scopro che esistono decine e decine di varietà di mele, ma quel che più mi incuriosisce sono i frutti dalla forma bizzarra, quelli che sono cresciuti con una propria personalità :-) Ci sono mele che pensano di essere pere ed altre che mostrano una livrea con tre spicchi su 4 gialli ed uno rosso!

Pomaria Val di Non Trentino

A Pomaria le mele si raccolgono direttamente dagli alberi e si trasformano in dolci. Nei laboratori del gusto dello Slow Food si insegna come impastare e cuocere uno strudel e si apprezzano i sapori della ricotta, della panna cotta o dello yougurt alla mela direttamente usciti dall'azienda casearia.

Pomaria Val di Non Trentino

 POMARIA E LA CUCINA TRENTINA

Mele mele e non solo! Nelle isole gastronomiche all'aperto di Pomaria si possono gustare piatti unici squisiti. Nei due pranzi a Casez abbiamo mangiato la lasagna di Pomaria al radicchio di mele e noci, le puntine di maiale al miele solandro con polenta concia e la grigliata di lucanica trentina e pancetta. Veramente buoni! Unico appunto il prezzo: 10 € a piatto è secondo me un po' caro se si considera che la sistemazione è quella che è... seduti su una panca, stretti in mezza alla calca di gente (PS: io sono un tipo da festa paesana e adoro le sagre!) La cena del sabato sera al ristorante della tensostruttura invece ha unito la comodità alla bontà. Il menù self service prevedeva una larga scelta tra zuppa di patate e ortica, involtini croccanti al Casolet e mele, mortandela nonesa e speck trentino con pane di segale, Trentingrana in forma ed altre leccornie.

Pomaria Val di Non Trentino

E nell'ambito della rassegna enogastronomica "Gli Antichi Sapori della Val di Non", anche i ristoranti della Valle hanno partecipato a Pomaria con un menù esclusivo (anche abbinabile ad un pacchetto vacanza). Noi siamo stati all'Osteria Palazan, in piazza Navarrino 7 a Cles, un ristorante che segue la filosofia del "km zero" e propone piatti tipici locali come gli gnocchi de patate crue con panceta rostida, formai gratà, porro e poina n'fumgiada. Anche se non parlate il dialetto trentino avrete capito che come primo ci hanno servito degli gnocchi di patate, preceduti come antipasto da un rotolo al cavolo cappuccio e Mortandela alla piastra (slurp).

Osteria Palazan Cles Trentino
Osteria Palazan Cles Trentino

Il secondo piatto non è stato da meno in quanto a ricetta tradizionale: in una parola, bolliti misti. Entrando nel dettaglio nella pirofila trovavano posto il capel del pret, lo scodeghin, la testina e la galina. A fianco il contorno di mele cotogne in agrodolce e patate nonose prezzemolate completava il quadro. Purtroppo io non sono un amante dei bolliti, devo ammetterlo... ma gli altri commensali hanno apprezzato. Completava la cena l'atteso (da me, gli altri erano già sazi!) dolce, lo Smorn del Kaiser (ancora tu, che bello ritrovarti).

ACCOGLIENZA TRENTINA: L'AGRITUR PRIMO SOLE

Nel weekend di Pomaria abbiamo alloggiato all'agritur Primo Sole che si trova a Mechel, una frazione di Cles immersa nei meleti della Val di Non. Del progetto Ambasciatori di Melinda ho già parlato qualche mese fa in occasione del blog tour alla scoperta del mondo Melinda (#MELtour) ed alla luce di questa nuova esperienza non posso che confermare tutte le sensazioni positive che provai la prima volta.

agritur Primo Sole Val Non

Il Primo Sole dispone di 10 camere con bagno per 21 posti letto totali, una sala per la colazione ed un'ampia cucina che dà quel tocco di familiarità che aggiunge valore ad una vacanza. Uno dei ricordi più piacevoli del soggiorno in agritur è stato la seconda sera quando siamo tornati dopo cena e ci siamo trattenuti a parlare, tra un bicchier di succo di mela ed una tisana (ok, qualcuno ne ha approfittato per assaggiare uno dei liquori che il padrone di casa ha gentilmente offerto...). I proprietari, Rosario e la madre Maria, sono due persone gentili e deliziose come i dolci che la signora prepara per le colazioni! Strudel, torte di grano saraceno, confetture di fragola, ciliegia e albicocca ed altro ancora... solo queste prelibatezze meritano le 4 margherite di cui è insignito il neonato Agritur!

agritur Primo Sole Cles
foto tratta dal sito dell'agritur
Una chicca per gli amanti della bici e della mountain-bike: l'agritur si trova proprio  sul percorso Dolomiti Brenta Bike! E se preferite fare trekking, i sentieri abbondano.

Un grazie formato gigante va quindi a Rosario e Maria, che hanno reso il soggiorno ancora più piacevole, ad Alessandra e Claudia, che con la loro organizzazione ci hanno fatto trascorrere un magnifico weekend, ed ai ragazzi del blog tour con cui ci siamo divertiti un sacco.

Presto la 2^ parte del racconto di #pomariavaldinon "Val di Non: nonsolo meleti! Castelli, santuari e Canyon".

Ti potrebbero anche interessare:
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento