giovedì 9 luglio 2015

I mulini a vento di Kinderdijk: come, quando (e perchè) andarci

mulini vento kinderdijk olanda
Visitare i mulini di Kinderdijk era in cima alla lista dei nostri desideri insieme all'esperienza di un viaggio in bicicletta in terra d'Olanda. Potete quindi comprendere quanto fossimo entusiasti di farle entrambe, una dopo l'altra! Dopo aver percorso 230 km nel "Groene Hart", il cuore verde del Paese, ed aver girovagato in lungo e in largo per le strade di Rotterdam, il giorno prima della ripartenza verso casa andiamo finalmente nell'unico sito al mondo che accoglie ben 19 mulini a vento perfettamente funzionanti!

Siamo a fine luglio e il sole non ha molta voglia di andare a nascondersi sotto l'orizzonte. Arriviamo a Kinderdijk nel pomeriggio e con sorpresa non lo troviamo invaso dai turisti come temevamo. Anzi, mano a mano che le ombre si allungano e si avvicina il magico imbrunire, Kinderdijk si svuota e assomiglia sempre di più a un luogo delle fiabe: alcune pale continuano a muoversi sospinte dal vento, altre si sono già fermate e attendono la mattina seguente per rimettersi in moto.
Qualche mese dopo io e Sara saremmo andati a Zaanse Schans, nei dintorni di Amsterdam, l'altro grande sito in cui è possibile ammirare grossi mulini a vento uno di fianco all'altro. Bellissimo e nondimeno imperdibile, ma Kinderdijk rimane in cima alla nostre preferenze. 

mulini vento kinderdijk olanda
mulini vento kinderdijk olanda
@girovagate su Instagram: Oh it's such a perfect day. I'm glad I spent it with you.

PERCHE' ANDARE A KINDERDIJK 


Forse perchè intorno alla Diga dei Bambini (il nome olandese deriva da una leggenda secondo cui una culla contente un bambino e un gatto sia giunta miracolosamente alla diga dopo la più terribile delle alluvioni che si ricordi a memoria d'uomo, nel 1420) non c'è quel villaggio degli gnomi, come lo abbiamo ribattezzato affettuosamente noi, come a Zaanse Schanse, così perfetto e curato nei minimi dettagli da sembrare artificioso; forse perchè lo scenario di Kinderdijk è selvaggio e incontaminato... non saprei dire esattamente qual è il motivo, quel che so per certo è che ci ha conquistato e se non fosse stato per la cena che avevamo prenotato al ristorante Blender di Rotterdam saremmo rimasti sicuramente fino al tramonto.

mulini vento kinderdijk olanda

Appena arrivati a Kinderdijk la scena che si presenta davanti agli occhi è questa: due canali che separano, ognuno, una pista ciclabile (all'interno) e una fila di mulini a vento (all'esterno). Il resto del paesaggio è pianura a perdita d'occhio, bassa vegetazione punteggiata da qualche albero qua e là, canneti, alcuni sparuti girasoli e altri fiori di color giallo o viola.
L'ingresso al sito, patrimonio dell'Unesco dal 1997, è gratuito, e potete tranquillamente passeggiare a piedi o in bicicletta fino alla confluenza dei fiumi Noord e Lek.

mulini vento kinderdijk olanda

I windmolens sono qui da quasi 3 secoli: i primi 8 vennero costruiti nel 1738 insieme ad un efficiente e complesso sistema di pompaggio dell'acqua, altri 8 un paio d'anni dopo; tutti, anche i 3 successivi, con il principale scopo di drenare i polder (l'area salvata dall'acqua) e coprire la differenza di livello delle boezems, le pozze di drenaggio. 

mulini vento kinderdijk olanda

L'Alblasserwaard, nel sud-est della provincia olandese dello Zuid-Holland, è sempre stata una regione al di sotto del livello e del mare e da quando gli olandesi hanno iniziato a popolarla dall'anno 1000 l'annosa battaglia di conquista del terreno non ha mai conosciuto un attimo di tregua. Nei secoli a venire i mulini a vento furono integrati con stazioni di pompaggio a vapore ed infine elettriche, fino a 20 anni fa, quando anche l'ultimo mulino a vento ha terminato il suo centenario lavoro.

QUANDO ANDARE A KINDERDIJK


Se andate a Kinderdijk nei mesi di luglio e agosto vedrete i 19 mulini a vento in azione (condizioni meteo permettendo) e potrete per un attimo immaginare di esservi catapultati nel XVIII secolo, quando gli unici rumori della campagna erano i muggiti delle mucche al pascolo e il fruscio delle pale.

mulini vento kinderdijk olanda

L'unica altra occasione durante l'anno in cui sono in funzione è rappresentata dalla giornata nazionale dei mulini, il secondo sabato di maggio, quando vengono anche illuminati di notte dando vita a uno spettacolo davvero unico e (immagino) mozzafiato.

I mulini a vento di Kinderdijk appartengono a privati e non sono visitabili, con l'eccezione del Nederwaardmolen 2, aperto al pubblico dalla primavera a ottobre fino alle 18 (nel resto dell'anno solo nei weekend fino alle 16) con prezzo d'ingresso pari a 7,50 € per gli adulti e 5,50 € per i ragazzi di età compresa tra i 6 e i 18 anni (su www.kinderdijk.com potete acquistare i biglietti con il 10% di sconto).

mulini vento kinderdijk olanda
mulini vento kinderdijk olanda

Al suo interno potete vedere da vicino gli ingranaggi del mulino e districarvi tra le minuscole stanze disposte su più livelli in cui viveva il mugnaio, e guardiano 24h del sistema di controllo delle acque, insieme alla famiglia: al piano terra il soggiorno e la camera dei genitori, con gli arredi d'epoca, al primo piano le camere dei figli, infine la soffitta, dove veniva affumicato il pesce pescato.

COME ARRIVARCI


La base più comoda e vicina è Rotterdam, distante circa 24 km in automobile (a Kinderdijk c'è un ampio parcheggio che costa 5 € per le auto e 2,50 € per le moto). Chi proviene da Amsterdam, Gouda o altre città può comodamente arrivare a Rotterdam in treno, mentre da Utrecht c'è la possibilità di prendere il bus n° 90 (ma il tempo di percorrenza è di 1h e 22'). 
Una volta arrivati a Kinderdijk considerate la possibilità di farvi un giro in battello sui fiumi...

Le soluzioni possibili da Rotterdam nel dettaglio:
  • se potete, scegliete di andare a Kinderdijk in bicicletta (il percorso è molto più breve rispetto all'auto; circa 15 km). Non solo attraverserete il bel paesaggio che lo circonda, ma una volta giunti al villaggio di mulini potreste seguire uno dei percorsi della zona (in alternativa potete noleggiare la bici direttamente all'ingresso);
mulini vento kinderdijk olanda
  • un'altra ottima scelta secondo me è il traghetto (1h) che parte da Rotterdam-Willemskade, nei pressi del ponte di Erasmus sul molo: la compagnia Nehalennia effettua crociere 2 volte al giorno dagli inizi di aprile fino a novembre (partenza da Rotterdam alle 10:45 e alle 14:15), nel restante periodo dell'anno una volta al giorno solo nei weeekend; a bordo potete portare anche la bicicletta (gratuitamente). Un'alternativa sono i waterbus che però arrivano a Ridderkerk (da lì è necessario prendere un altro mezzo per raggiungere il sito);
  • la quarta e ultima sono i mezzi pubblici ed è quella che abbiamo scelto noi. Col senno di poi vi consiglierei di considerarla solamente se non avete noleggiato l'auto, non desiderate fare il giro in barca o non vi piace l'idea di pedalare per oltre un'ora per arrivare a destinazione. Il problema è uno solo: il tempo totale di percorrenza! Da Rotterdam dovete prendere il treno alla stazione Blaak (quella davanti alle case cubiche) fino a Lombardijen (10 minuti); uscire dalla stazione e attraversare la strada principale, alla vostra destra, per raggiungere la fermata dell'autobus n° 90 (che collega Rotterdam e Utrecht).
    Il bus passa ogni ora e compie un giro largo toccando la città di Dordrecht fino ad arrivare a Kinderdijk (fermata Molen) in 45-50 minuti. Se avrete ottimizzato i tempi, come minimo ci impiegherete un'ora di tragitto. Ma ne varrà ugualmente la pena!
mulini vento kinderdijk olanda
mulini vento kinderdijk olanda
mulini vento kinderdijk olanda

Ti potrebbero anche interessare:

Posta un commento