venerdì 23 ottobre 2009

Ston, la muraglia più grande d'Europa

muraglia ston croazia
Quando nel 1334 la penisola di Sabbioncello (oggi Peljeaac) venne annessa alla Repubblica di Ragusa (l'attuale Dubrovnik) a Stagno (Ston) fu progettato e costruito un sistema difensivo, una cinta muraria che difendesse il territorio e le saline romane della città (le più antiche oggi in funzione in Europa, con 14 vasche evaporanti) dalle incursioni provenienti da nord da parte dei Turchi.
L'impresa, considerata la più grande opera urbanistico-militare dell'epoca, terminò nel 1506 ed oggi, dopo un lungo lavoro di restauro, le mura sono finalmente visitabili (con ingresso a pagamento per autofinanziare i lavori di manutenzione).

La muraglia di Ston è la più grande d'Europa, seconda al mondo solo alla Grande Muraglia Cinese: 5,5 km di lunghezza - dal gruppo di case di Veliki Ston in alto sul monte San Michele, poi giù fino a Mali Ston - intervallati da 31 torri quadrangolari e 10 circolari, 6 bastioni circolari e 1 quadrangolare e da 2 fortezze.
Alla costruzione contribuirono gli italiani Michelozzo Michelozzi, Bernardino da Parma e Giorgio Orsini il Dalmatico oltre che Paskoje Mili. Ad una visita lungo il pecorso sopra le mura - da cui si gode di un magnifico panorama sulla prospiciente isola di Korcula - si può associare quella alla chiesa neogotica di S.Biagio (Sveti Vlaho) del 1870, quella al palazzo della Cancelleria (in stile gotico e rinascimentale), l'ex palazzo del vescovo del 1573, il monastero francescano con il chiostro goico-rinascimentale e la chiesa romancia di San Nicola (Sveti Nikola) del 1347, tutte all'interno della muraglia.
Al di fuori invece meritano una visita la chiesa dell'Annunciazione del XV secolo e soprattutto la chiesa preromanica di San Michele del IX secolo.

All'ingresso della cittadina, le mura sono ben visibili sulla collina che si erge dietro le case (quasi a ridosso), con un profilo a zig-zag sulle pendici. Ston ha una posizione strategica essendo un passaggio obbligato per chi arriva in auto da nord, sia che passi dalla terraferma, dopo aver attraversato il breve tratto di territorio bosniaco, sia per chi venga dalla penisola di Sabbioncello (lunga ben 40 km) che è divisa dalla costa croata da uno stretto che si chiude proprio a Ston.

Da qui a Dubrovnik, verso sud, ci sono circa 60 km, ma questo non impedisce a molti turisti di fare un'escursione proprio da queste parti, in particolare a Mali Ston, alla ricerca di un buon posto dove mangiare il pesce.

Qui potete leggere altri post sulla Croazia.

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!
Posta un commento