sabato 23 gennaio 2010

La battaglia dei fiori e lo sfavillante Carnevale di Nizza

La prossima edizione del Carnevale di Nizza si svolgerà dal 13 al 28 febbraio 2016!
Per saperne di più continuate a leggere!
Se chiedete a un francese quale sia il Carnevale più bello della Francia, vedrete che risponderà senza esitazioni quello di Nizza! Non solo per la grande tradizione che sfoggia ma per l'allegria, i colori dei fiori e la bellezza dei carri allegorici che sfilano sulla Promenade des Anglais, la famosa passeggiata lungo il mare.

Protagonisti assoluti sono i 20 grandi carri, alti dagli 8 ai 18 metri, che di anno vertono su un tema (nel 2010 ad esempio sull'ecologia e la salvaguardia della Terra, "Il re del pianeta blu") e nel loro lento incedere lanciano tra il pubblico rose, mimose, gerbere, gigli e... tutte quelle varietà di fiori che già dall'inizio dell'anno trasformano la Costa Azzurra in un posto dove è piacevole soggiornare.

Grazie al clima mite infatti si è sviluppato da secoli un notevole turismo invernale, come testimoniano i lussuosi hotel della Belle Epoque, su tutti il Negresco, ma non solo: ci sono anche moltissime sistemazioni adatte a tutte le tasche tanto che Nice è diventata una meta prediletta dai viaggiatori zaino in spalla! Quel che è certo è che gli alberghi non mancano!

Carnevale Nizza
foto di Manuel, Patafisico su Flickr
Così come non mancano le mimose fiorite, che invadono ogni angolo della cittadina francese.. Sopra i bellissimi carri decorati con splendide composizioni floreali, alcuni personaggi in maschera danno vita alla Battaglia dei fiori e 1000 personaggi tra musicisti e ballerini venuti da ogni parte del mondo animano le sfilate, che si svolgono sia di giorno che di notte, quando place Masséna viene illuminata da 500 metri di pannelli alti 9 metri che si dispongono ai lati di quello centrale alto 15!

UN PO' DI STORIA...

Il Carnevale di Nizza raggiunge l'apice il mardi gras con i fuochi d'artificio sulla Baie des Angles e la cerimonia che si conclude con l'immolazione del Re Carnevale, Sa Majestè Carnaval, in un grande rogo. I festeggiamenti però si protraggono ancora per qualche altro giorno....
Nelle giornate precedenti invece il re viene incoronato in place Massena e condotto per le strade dove sfila insieme ai maestosi carri fioriti tra battaglie di confetti, bande musicali e scorte a cavallo per un tratto di 2 km intorno al Jardin Albert I.

Carnevale Nizza
foto di Manuel, Patafisico su Flickr
I primi carri fecero la loro apparizione nel 1873 grazie ad Alexis Mossa, un artista locale che introdusse anche la figura di Re Carnevale, ma si hanno notizie del Carnevale di Nizza già nel XII secolo quando ai festeggiamenti che preludevano al periodo di digiuno e penitenza della Quaresima partecipavano anche i conti di Provenza e successivamente anche quelli di Savoia. Per dare un'idea della gioia ed esuberanza della festa, la Chiesa dovette intervenire per proibire ai preti di mascherarsi e danzare...

Nel 1539 vennero nominati gli abati dei pazzi che avevano l'incarico di organizzare e controllare la manifestazione. I balli dovevano tenersi in 4 piazze in ciascuna delle quali era confinata una classe sociale: i nobili, i commercianti, gli artigiani e operai ed i pescatori. Nel '700, con l'ingrandirsi della città, le strade non bastavano più a contenere la gente e si scelsero le grandi sale private per dar sfogo al Carnevale ma con Napoelone III si tornò all'aperto e cominciò a diffondersi il lancio di coriandoli e proiettili tra la folla.

Carnevale Nizza
Foto di Manuel, Patafisico su Flickr
Nel 1873 si dette la fisionomia attuale e si svolse la prima sfilata di carri accompagnata da maschere in cartapesta. Festeggiamenti che durarono ininterrotti, con l'eccezione delle due guerre mondiali, fino ad oggi, con le battaglie di gesso e farina che si sono aggiunte ai corsi mascherati.

Sul sito del Carnevale di Nizza in italiano, www.nicecarnaval.com/it, potete trovare i prezzi e gli orari delle sfilate.

Altri Carnevali nello SPECIALE 2011.

Ti potrebbero anche interessare:
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento