venerdì 12 novembre 2010

Un tour per le vie di Asti, città d'arte, dello spumante e del Palio

palio asti
Adagiato nella valle del Tanaro, la romana Hasta Pompeia, oggi chiamata Ast dai suoi abitanti e Asti dal resto d'Italia, è la classica città d'arte non molto conosciuta con in serbo delle sorprese.
Asti è una città tranquilla ma se ci capitate nella settimana che culmina con la 3^ domenica di settembre troverete il tutto esaurito per lo storico Palio, uno dei più antichi d'Italia, che si conclude con la gara equestre tra i 14 rioni e borghi in cui è suddivisa la città.

Per prenotare un hotel ad Asti in questo periodo occorre muoversi con mesi di anticipo ma scoprirete quanto gli astigiani tengono a questa festa patronale sorta nel Medioevo, che si svolge ininterrottamente almeno dal 1275 in onore di San Secondo.

spumante asti
foto di 13HOC su Flickr
Al di là del Palio, Asti è nota per i vini (chi non conosce lo spumante Asti?) e alcune manifestazioni che si tengono durante il corso dell'anno, come la Fiera del tartufo bianco nel mese di novembre.

Chi vuole scoprirla lontano dai clamori dei festeggiamenti può passare un piacevole fine settimana alloggiando in B&B e gustando le specialità della cucina locale come la bagna cauda o la finanziera bianca, il risotto di salsiccia, gli agnolotti del plin o i saltinbocca all'astigiana, per finire con le squisite torte del Palio e alla nocciola...
asti
foto di Lorenzo X su Flickr
Per una visita alla città è senz'altro utile la guida proposta dal comune in occasione del IX centenario della sua nascita, per un giro turistico alla scoperta delle bellezze artistiche principali.
Il tour è articolato in 18 punti di interesse storico e culturale, con partenza da piazza San Secondo intorno alla quale sorgono il Palazzo Civico, il Palazzo del Podestà, Torre Guttuari ed il Palazzo degli Antichi Tribunali, e prosegue attraverso le chiese di SS. Trinità e San Paolo, la Torre de Regibus e Palazzo Alfieri, la Domus Romana e la Cattedrale, Palazzo Vescovile e la Torre Solara, Torre dei Comentini ed i Resti dell'Anfiteatro Romano, Santa Maria Nuova e il Convento degli Agostiniani, la Rotonda del Santo Sepolcro e Santa Maria di Viatosto.

(Foto in alto di Lorenzo X su Flick)

Ti piace il blog? Seguilo su Facebook , via Feed e su Twitter!

Posta un commento