venerdì 12 febbraio 2016

La Scala dei Turchi | #SicilyTour #TheGira 3° giorno

Con la Scala dei Turchi riprendono i miei racconti dei "diari dell'Apetta", un incredibile viaggio in Sicilia a bordo di un rickshaw! 
scala dei turchi
Il terzo giorno del nostro #SicilyTour con #TheGira ci svegliamo al Bed&Breakfast Villa Diana, una bellissima villetta a pochi km da Agrigento e dalla Valle dei Templi. Niente visita alla città nè all'area archeologica però: il nostro obiettivo è arrivare a Trapani e fare una lunga sosta alla Scala dei Turchi. Un cannolo siciliano è quel che ci vuole per caricarci di energia e partire col nostro potente mezzo verso Porto Empedocle!

La Scala dei Turchi è una falesia bianchissima che si trova nel comune di Realmonte, a 20 km a ovest di Agrigento e a 5 km da Porto Empedocle. Indiscutibilmente una delle meraviglie naturali della Sicilia insieme al vulcano Etna, alla Riserva dello Zingaro e alle Gole dell'Alcantara, solo per fare alcuni nomi tra i più famosi.
Provenendo dal capoluogo si arriva sul litorale in prossimità della Baia del Kaos e dopo aver attraversato Porto Empedocle iniziano a vedersi le prime formazioni di marna - una roccia sedimentaria composta da una parte argillosa e da una calcarea - di un bianco quasi accecante.

scala dei turchi

La strada inizia a salire un po' e le auto parcheggiate lungo i margini della carreggiata si fanno sempre più numerose. Al culmine di un colle vediamo un cartellone: "Scala dei Turchi", finalmente ci siamo! Ogni angolo disponibile è occupato da macchine e motorini, ma per fortuna a'picciridda - il nostro rickshaw color rosso fiammante con la scritta #vediamopositivo sul cruscotto - occupa pochissimo spazio e scoviamo un buchetto a 800-1000 metri (invece che a 2-3 km, e non scherzo) da quel primo accesso alla spiaggia, accanto alla grande insegna. 

E' agosto e si sente. Il cielo è limpidissimo e la temperatura invita a immergersi in quelle acque trasparenti che si ammirano dall'alto. 

scala dei turchi

E' agosto e si vede. Purtroppo, non siamo soli.
La calca che si trova in spiaggia e sopra quel candido sperone di marna che risponde al nome di Scala dei Turchi è inevitabile nei mesi più caldi dell'estate. A maggio o ad ottobre (vi ricordo che siamo in Sicilia, il bagno potete farlo da metà primavera a metà autunno) potete godervi molto di più questo spettacolo della natura e magari riuscire a fare qualche scatto senza quel nugolo di bagnanti che da lontano assomigliano a un esercito di formiche su una montagnola di zucchero.

scala dei turchi
scala dei turchi

Dicono che non sempre è stato così. "Tutta colpa di Montalbano è" ci dice un ragazzo che viene spesso qua. Fino a qualche anno fa il sito era poco pubblicizzato, poi è arrivato il Commissario ed è esploso il successo mediatico. Lo scrittore Andrea Camilleri è nato a Porto Empedocle e nei suoi romanzi tra le città di fantasia e i luoghi realmente esistenti non poteva certamente mancare la Scala dei Turchi.

Il sentiero che conduce al mare non è impegnativo, all'andata... è tutto in discesa, che ovviamente si traduce in una discreta salita al ritorno. La spiaggia è di sabbia finissima e per una decina di metri dalla battigia il fondale è poco profondo; in superficie affiorano lingue di marna.
Per raggiungere la scalinata ci sono alcune centinaia di metri ancora; una distanza ricoperta in larga parte dai teli da mare e dagli ombrelloni dei bagnanti. Il colpo d'occhio però non è male lo stesso.

scala dei turchi
scala dei turchi

In mezzo alla baraonda ognuno sceglie come occupare meglio il tempo: c'è chi decide di spalmarsi di fango la pelle con la speranza che quel miscuglio argilloso la renda liscia come il bianco terrazzamento; c'è chi si distende sulla roccia a prendere il sole e chi si tuffa nel "grande blu". A pochi metri dall'area fangosa l'acqua è limpidissima e di un color azzurro che risalta ancor di più il candore della Scala.

scala dei turchi

Saliamo anche noi sui gradini, facendo ben attenzione a non scivolare, e scolliniamo quel piccolo promontorio. Un inaspettato panorama si apre davanti agli occhi. Il cuore si surriscalda, ma non è colpa del sole cocente; la pelle (adesso ben levigata) si accappona, ma non c'è un alito di vento. La vista di quella parete bianca a strapiombo sul mare rimarrà uno dei ricordi più indelebili del nostro periplo della Sicilia in ape calessino.

scala dei turchi
scala dei turchi
scala dei turchi
scala dei turchi

Un'ultima curiosità: perchè quel nome? Ogni sito, ogni blog, ogni pagina web che parli della Scala dei Turchi spiega che deriva dalle scorribande dei pirati saraceni, che qui trovavano rifugio.

scala dei turchi
scala dei turchi

E' ora di ripartire, prossima tappa Erice!

Ti potrebbero anche interessare:
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook via Feed e su Twitter!

Posta un commento