martedì 29 novembre 2016

Vacanze di Natale in Lapponia alla ricerca dell'aurora boreale!

Io le definisco entrambe "il più grande spettacolo dopo il Big Bang". Sto parlando dell'Aurora Boreale e della mia compagna, che prima o poi devo portare nel Grande Nord a vedere lo spettacolo della natura più affascinante e indescrivibile che esista. Un'esperienza indimenticabile che ho già provato alle isole Lofoten e Vesterålen in Norvegia e che vorrei ripetere con lei in Lapponia al più presto! Leggete il racconto e i consigli pratici del mio amico Mr Joushua che dopo qualche anno è tornato a Jukkasjärvi, vicino a Kiruna nella Svezia lappone, durante le sue vacanze di Natale!
aurora boreale lapponia
La prima volta non si scorda mai. Spesso però la seconda volta è migliore della prima! A me è successo lo scorso anno quando dopo 5 lunghi anni sono tornato a Jukkasjärvi. Non ne avete mai sentito parlare? Molto probabile. Al contrario sono certo che tutti voi sapete che nella Lapponia svedese si trova il primo e più grande albergo di ghiaccio al mondo! Il ricordo della mia prima (e unica) notte tra le pareti costruite col ghiaccio del fiume Torne rimarrà scolpita indelebilmente nel mio cuore e nella mia anima (*) ma il richiamo di quelle terre estreme è stato troppo forte e mi sono concesso, per così dire, un bis. 
La mia ricerca è iniziata molto più tardi di quel che non si possa pensare, a meno di un mese dalla partenza!
  • 1° step: ho trovato delle tariffe low cost da Orio al Serio per Stoccolma con la Ryanair dopodiché ho prenotato il volo dalla capitale svedese per Kiruna con SAS (anche la Norwegian fa servizio sulla stessa tratta). Voli diretti per Kiruna non esistono quindi uno scalo è il minimo.
  • 2° step: Travel Insurance! Non parto mai senza aver stipulato una polizza viaggio - ad esempio l'assicurazione Travel Care con Allianz Global Assistance che garantisce assistenza sanitaria 24h, consulenza medica telefonica e pagamento diretto delle spese mediche, ospedaliere e chirurgiche.
paesaggio inverno lapponia
foto di timo_w2s su Flickr
  • 3° step: ho prenotato un auto a noleggio perché avevo già in mente una serie di tappe. Tenete presente che in inverno le strade sono ghiacciate, anche se quasi tutte sono in ottime condizioni, quindi ve lo sconsiglio se non siete abituati a guidare in situazioni del genere. Io sono cresciuto in Colorado dove le temperature sforano i -30° e la neve è di casa in inverno.
  • 4° step: ricerca di un'agenzia di viaggi per vedere l'Aurora Boreale. A Kiruna ce ne sono tantissime, potete anche prenotare in loco ma io mi sentivo più tranquillo a fissare tutto prima della partenza perché andavo nella settimana che precedeva il Natale.
aurora boreale lapponia
  • 5° step: dormire in una Moose Farm! Dopo l'Aurora Boreale il mio secondo desiderio era dormire in una fattoria gestita da una famiglia Saami (una minoranza etnica lappone) in cui vengono allevate renne ed alci, in un ambiente protetto e curato amorevolmente, e dove si può entrare in contatto con la cultura e le tradizioni di questa comunità che vive da sempre in simbiosi con la natura.


DOVE VEDERE L'AURORA BOREALE?


Domanda da un milione di dollari (o euro, fate voi!). La Lapponia svedese è senza dubbio uno dei migliori posti al mondo, anche se tutti ripetono fino allo stremo che nessuno potrà darvi la certezza di poter assistere alle Norrsken, le Luci del nord. 
Il parco nazionale di Abisko, circa 20 km a nord di Kiruna e 150 km dal Circolo Polare Artico, è considerato quello dove le probabilità sono più alte, così sono andato lì, ben coperto con maglioni e guanti in lana, giubbotto imbottito e... calzamaglia (ebbene sì! Come Ralph Supermaxieroe o Robin Hood).

aurora boreale lapponia
l'aurora boreale dal lago di Abisko.
Foto di A.Sotgiu (dal blog Parliamo di Viaggi)
I "soliti consigli":
il periodo migliore per andarci va da fine settembre a marzo ma tra ottobre/novembre e gennaio/febbraio è meglio | Raggiungete un luogo in cui l'inquinamento luminoso sia minimo o assente (in Lapponia, specialmente ad Abisko, è un'impresa facile) | Vestitevi come se doveste stare in una ghiacciaia per tutta la notte | Armatevi di pazienza. Non scoraggiatevi se non la vedete la prima sera | Andate all'Aurora Sky Station di Abisko, raggiungibile con la seggiovia.

aurora boreale lapponia
foto di Beastankar su Flickr

IN LAPPONIA NEL PERIODO NATALIZIO: COSA FARE?


Da dove iniziare?
Appena si pronuncia la parola "Lapponia" molti la associano a Rovaniemi, famosa nel mondo per essere la casa di Santa Claus. Esiste però un'altra località legata a Babbo Natale: Gällivare. Molto più vicina a Kiruna rispetto ai 500 km e passa di Rovaniemi e soprattutto meno turistica, è nota per i Santa Winter Games! Si dice che qui ogni giorno dell'anno sia possibile incontrare Babbo Natale, io posso dare la mia testimonianza per la settimana prima del 25 dicembre 😊.

vacanze natale lapponia
foto tratta dalla pagina facebook Santa Winter Games
20.000 dei 70.000 Saami risiedono in Svezia. Se vi interessa conoscere le loro usanze vi consiglio di fare un salto al villaggio di Batsuoj e al museo dei Saami di Arjeplog.

A fine gennaio Kiruna ospita lo Snöfestival, un importante Festival delle sculture di ghiaccio, ma di cose da vedere nella città più settentrionale della Svezia lappone ce ne sono molte altre, in particolare la sua chiesa in legno, la Kiruna kyrka.

Cosa c'è di più classico del pernottare nella foresta innevata lappone e fare un safari in slitta trainata dai cani Husky?
L'alternativa animalista è fornita dalla guida della motoslitta su fiumi e laghi ghiacciati.

Percorrere un tratto del sentiero Kungsleden attraverso la valle di Abisko è stata una delle esperienze più emozionanti. Un silenzio e uno scenario mai più vissuti.

Infine, non perdetevi una visita all'Ice Hotel e l'Ice Church (dove vengono celebrati anche i matrimoni!) di Jukkasjärvi!

hotel ghiaccio lapponia
foto di bjaglin su Flickr

Testo di Mr Joshua e Alessandro.

(*) anche perché viaggiando senza macchina fotografica mr Joushua non può immortalare i suoi ricordi in altro modo...

Ti potrebbero anche interessare:
Ti piace il blog? Seguilo su Facebook via Feed e su Twitter!

Posta un commento